Anna dello Russo: icona di stile o attrazione da circo?

di Viktor Perla Commenta

viktor perlaGli improbabili e originali look di Anna dello Russo riescono sempre ad essere il centro dell’attenzione, un po’ come Lady Gaga anche lei non ha paura di osare di tutto pur di non passare inosservata, fino a chiedersi se quando seduta nel front row delle sfilate chi sia la più fotografata, se lei o le modelle in passerella.

Sempre all’ultima moda e con le creazioni dei più grandi stilisti l’eccentrica barese direttrice dell’edizione giapponese del Vogue non conosce limiti, oltrepassando spesso il sottile confine tra lo sfoggiare splendide creazioni e il sembrare un’attrazione da circo. Non tutti si possono permettere di indossare grandi capi di abbigliamento, e non è solamente una questione economica, ma anche di stile e portamento e questi di certo a Anna non mancano, da preferire sicuramente all’eccessivamente sobria Franca Sozzani. Quando si vuole però indossare tutto insieme si corre veramente il rischio di sembrare uno spaventapasseri più che un icona di stile.

Nella prima giornata della settimana della moda di Milano l’abbiamo vista indossare, per assistere alla sfilata di Gucci, un vestito della firma stile anni 20 con paillettes della collezione di questa primavera estate, sandali e cintura in vita dorati che riprendevano l’oro del vestito, del resto il dorato sará uno dei must della p/e 2012 come anche il mood anni 20.

Ma quello che lascia perplessi non è solo la sensazione di freddo, ricordiamoci che a Milano le temperature non sono di certo calde, ma l’esigenza di non lasciare neanche un cm di pelle senza decorazione in aggiunta alla caduta di stile del cappello di paillettes stile torero. E’ risaputo che Anna dello Russo è una fanatica delle decorazioni per capelli, accessori che idealmente donano un tocco di stile all’outfit e che sono richiesti nelle occasioni più importanti, abbiamo recentemente visto come sia possibile indossarli con stile, esempio Victoria Beckham nel matrimonio di Kate Middleton, o come poter sfociare nel ridicolo, esempio le sorelle Ferguson.

Per il front row delle sfilate primavera 2012 di Haute Couture Anna ci ha regalato degli outfit che senza dubbio sono entrati a far parte degli indimenticabili,  vestita apparentemente sobria ed elegante con cappottino nero ed un cappello di piume grande almeno due volte la dimensione della sua testa, gioia certa di chi le sedeva dietro nella sfilata. Il look rosa fluo per assistere alla sfilata Fall 2012 di Marc By Marc Jacobs della New York Fashion Week lascia quasi abbagliati, senza dubbio la tonalità shocking e il notevole cappello sarebbero piaciuti molto alla Schiapparelli.

Foto Credits Getty Images & Donnamoderna