Il bianco è il colore più amato dell’estate 2012

di Sandra Rondini Commenta

Come già evidenziato dalle ultime sfilate delle collezioni primavera estate 2012 di alta moda, in particolare durante quelle romane, è il bianco il colore in assoluto più amato di questa stagione. Finalmente torna in auge il colore più trendy, chiaro e solare dell’estate, perfetto per esaltare la nostra abbronzatura e un’autentica tavolozza da riempire con accessori di tutti i tipi.


La tinta unita di un abito, per evitare l’effetto noia, permette di sbizzarrirsi con borse, scarpe, gioielli e qualsiasi cosa serva per renderlo unico e speciale. Ed è proprio questa versatilità, questo poter passare da un’allure chic a una più basic e casual grazie a un cambio di accessori la sua vera forza. Il bianco è pura luce e, soprattutto nei modelli più sartoriali, con minidress ornati da dècor e preziosi ricami, drappeggi e scollature in vista, è in assoluto il colore must have di quest’estate e non fa correre il rischio a chi lo indossa di sembrare in procinto di sposarsi, soprattutto se si tratta di un modello sofisticato. Naturalmente il bianco è anche molto delicato e basta niente per rovinare per sempre un bell’abito.

Sarà anche per questo motivo che, generalmente, non è tra le nuance più scelte dalla clientela femminile. Eppure questa è l’estate della sua definitiva consacrazione, non solo sulle passerelle di haute couture, ma anche su quelle delle varie fashion week di pret à portér tenutesi in tutto il mondo e, in particolare, a Milano, Parigi, Londra e New York. Da Alberta Ferretti gli abiti più sofisticati con studiate trasparenze che disegnavano motivi anni Venti, in un tripudio di ricami, mentre da Blugirl trionfa il romanticismo e i suoi abiti da cocktail total white sono un vero incanto di piume, paillettes e ricami molto femminili. Se Bottega Veneta propone abiti dal taglio strong e avantgarde, come anche la stessa maison Fendi, da Versace look semplici con gonne stretch longuette e top abbinato si illuminano grazie al gram di borchie dorate ed è subito rock!

Moschino gioca con la sensualità in lungo, con tagli e spacchi molto sensuali e in corto con abiti con gonna a corolla dall’allure rétro eppure riuscitissimi nel taglio e nella silhouette. Autentica sorpresa da Emilio Pucci che non si lascia intimidire dal rischio di creare abiti da sera che sembrano adatti per una sposa: i look total white della maison fiorentina sono sicuramente azzardati, soprattutto quello molto vaporoso, pieno di pizzi e ricami, che ha fortunatamente un’aria vagamente gipsy e si salva dall’essere etichettato come un wedding dress. Concludiamo con le tre sirene vestite di bianco mandate in passerella da Giorgio Armani: un incanto di raffinatezza e soavità per tre long dress ipericamati ma dalla silhouette minimal chic.