I Cappelli della Regina Elisabetta diventano italiani

di Monica De Chirico Commenta

cappelli-regina-parlano-italiano

Quante volte vi sarà capitato di restare incantati davanti alla televisione o alle riviste che mostravano gli originali e raffinati cappelli della Regina Elisabetta. Colori, materiali e forme particolari per i copricapo indimenticabili della donna inglese più famosa. Ma c’è una novità importante da segnalare a tutte le appassionate dei simpatici cappelli. Ad indossarli sarà sempre sua maestà ma gli originali copricapo ormai parleranno un pò italiano. In effetti il famoso brand Christys’ Hats è stato acquisito da un fondo di investimenti partecipato in larga parte da italiani.

 

Quelli con le piume, quelli color pastello, quelli con le velette, quelli con i fiori applicati sulla tesa, impossibile elencare tutti i copricapo che hanno accompagnato la storia della Regina. Nel 2003 gli appartamenti di Kensington Palace hanno ospitato una mostra affascinante di cappelli e borse dal guardaroba reale. In quella occasione è stato possibile ammirare oltre settanta modelli di cappellini appartenuti alla Regina fin da quando era bambina e scelti uno per uno dalla stessa Elisabetta e dai sarti di corte.

Chissà se qualcosa cambierà dopo la recente notizia. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, il brand ChristysHats, il famoso cappellaio di corte della Regina Elisabetta, è stato acquisito da BlueGem, un fondo comune di investimenti il cui team è composto in larga parte da italiani. Il fondo, partecipato tra gli altri da Andrea Agnelli, Giorgio Girondi e Mario Greco ha acquisito il marchio di cappelli che può vantare tra i suoi migliori clienti, dopo la Regina, cultori del genere come Brad Pitt e Robert Downey Jr.

Foto: via Vanity Fair