Charlotte Casiraghi protagonista della nuova campagna Gucci Forever Now

di Sandra Rondini Commenta

charlotte casiraghi forever now gucci campagna
Da sempre tra Charlotte Casiraghi e la storica maison forentina Gucci c’è stato un rapporto speciale. La splendida figlia della principessa Caroline di Monaco, nonché una delle donne in assoluto più belle in assoluto, ha sempre dimostrato una grazia e uno charme innato, nonché un grande amore per la moda, sempre vissuta come fashion maker e mai come fashion victim.

Musa di stilisti, cresciuta sulle ginocchia di ‘zio’ Karl Lagerfeld, spesso fotografo ufficiale dei Grimaldi, a cui ha dedicato dei ritratti di un’intensità malinconica e struggente, soprattutto quando Caroline era ancora sposata con il bell’italiano Stefano Casiraghi, padre di Charlotte, morto tragicamente in un incidente in una gara di off shore. Amante dei cavalli ed esperta cavallerizza, Charlotte Casiraghi ha fatto dell’equitazione molto più di uno sport cui dedicarsi. La ragazza punta in alto,magari anche a qualche Olimpiade e, in effetti, a giudicare dai trofei vinti, sembra essere molto dotata.

Per la maison Gucci, cui, per l’appunto, lalega l’amore per l’equitazione, ha già avuto modo di sperientare partnership creative indossando spesso capi fatti su misura per le sue competizioni più importanti. Ora sarà protagonista della campagna pubblicitaria Gucci “Forever Now”, ideata dal direttore creativo della maison fiorentina, Frida Giannini, insieme alla stessa Charlotte Casiraghi e lanciata mondialmente ieri su quotidiani e riviste di moda e lifestyle.

In pratica, nei prossimi due anni, la campagna, ideata per celebrare le famose icone della Maison, vedrà Charlotte Casiraghi immortalata in una serie di scatti realizzati da quattro tra i più famosi e apprezzati fotografi ritrattisti e di moda del mondo, tra cui Peter Lindbergh che racconterà la storia del celebre nastro verde e rosso di Gucci.

Scattate sullo sfondo di una scuderia, le immagini di Charlotte Casiraghi rievocheranno la passione del fondatore della Maison per l’arte dell’equitazione. E’ grazie ad un’intuizione di Guccio Gucci, ispiratosi al sottopancia della sella del cavallo, che nacque l’iconico nastro verde e rosso della casa di moda. Negli anni Cinquanta utilizzò per la prima volta il verde e il rosso per profili e dettagli di valigie e bauli da viaggio e da allora il nastro e i suoi colori sono divenuti un simbolo inconfondibile di Gucci nel mondo.