Franca Sozzani vuole che John Galliano torni da Dior!

di Sandra Rondini Commenta

franca sozzani vogue italia newsweek john galliano

Sarà che gli amici veri si vedono nel momento del bisogno. Sarà che scopriamo il valore di qualcosa solo quando la perdiamo. Certo è che la bagarre scoppiata dopo le dichiarazione della direttrice di Vogue Italia, Franca Sozzani, sta riempiendo le prime pagine dei fashion magazine e non solo.

Dopo la nomina a Marc Jacobs a nuovo direttore artistico della maison Dior, dopo il licenziamento in tronco di John Galliano nel marzo scorso, non erano stati pochi quelli che avevano storto il naso notando quanto sia difficile per un uomo solo come Jacobs seguire tante linee di moda e dare a tutte un tocco assolutamente personale. Inevitabilmente in tutto ciò che si crea si imprime un pò di se e se uno ha stile ha uno stile riconoscibile in tutto quello che fa, sia che la linea si chiami Marc by Marc Jacobs sia che si chiami Christian Dior. Il rischio è la ripetizione, la noia e il conseguente crollo dell’allure che Galliano aveva saputo creare attorno alla maison parigina.

In un’intervista rilasciata a “Newsweek”, Franca Sozzani ha detto di sperare che chi di dovere ritorni sui suoi passi riassumendo John Galliano alla guida della maison Dior (che poi, diciamolo, è il sogno di tutti!). Secondo la Sozzani è ovvio che la maison non potrebbe più a questo punto solo riaccoglierlo e perdonarlo. Ci vuole una punizione esemplare. Nella moda, purtroppo, non vale la parabola del figliol prodigo, ma la sozzani per l’amato Galliano invoca che gli venga concessa almeno l’attenuante che, mentre diceva frasi sconnesse e antisemite, era completamente ubriaco, quindi fuori di se.

Non si tratta di un caso politico o religioso, ma di un caso umano. John aveva completamente perso il controllo. Franca Sozzani, che dirige un magazine le cui entrate dipendono molto dalle pagine pubblicitarie acquistate proprio da quella maison che lei accusa di aver punito in modo spropositato John Galliano, con queste sue coraggiose parole rischia molto. Ma, in carica dal 1988, nonostante l’aspetto etereo, è una lady di ferro e speriamo sinceramente che il suo appello arrivino alle orecchie e al cuore delle persone giuste…