JackBags e Alessandra Carrer collezione a/i 2011 – 2012. Abiti che si trasformano

di Paola Perfetti Commenta

A proposito di talenti on stage: al Fashion Show 2011 della Settimana della Moda di Milano Modalizer ha avuto il piacere di incontrare e osservare da vicino le creazioni di Alessandra Carrer, con la sua collezione autunno inverno 2011 -2012.

Avete guardato il video della sfilata (ok, non sarà bellissimo ma rende l’idea, no!?) ? Alessandra Carrer è una giovane fashion designer tutta da scoprire. Seguiteci!

Alessandra Carrer. Fashion designer, 110L

È una fashion designer italiana. Dopo anni di studio di modellistica e sartoria, inizia a lavorare direttamente con il cliente progettando, disegnando e confezionando modelli di abbigliamento su misura. Si tratta di un attento lavoro di atelier che determina la sua perfezione nelle rifiniture e l’attenzione alle esigenze del cliente.

Nel 2008 decide di completare la sua formazione per ampliare il campo di conoscenza, frequentando un corso di Stilismo presso l’Accademia del Lusso, Istituto Callegari di Treviso: qui, acquisisce le competenze necessarie ad indirizzare e a sviluppare la creatività non solo sul singolo cliente ma su un campione più ampio.

Marzo 2010: il diploma a pieni voti. Da qui, una strada tutta in discesa: oggi Alessandra Carrer si dedica al suo marchio senza dimenticare le collaborazioni con molte aziende della moda. Ma quali sono gi elementi peculiari della sua moda e le sue ultime creazioni?

Alessandra Carrer collezione a/i 2011 – 2012

Una collezione nata per essere fashion ma pratica, veloce, comoda, adatta alla donna contemporanea impegnata nella quotidianità e che, pur nella sua mancanza di tempo, desidera modificare il suo outfit e cambiare look nel corso della giornata. Credereste possibile farlo indossando sempre lo stesso capo?

Secondo Alessandra Carrer sì: dopo aver intuito questa esigenza ha ideato, progettato e brevettato JackBags, un sistema che rende possibile la trasformazione di un capospalla, di varie forme e design, in una borsa.

Le trasformazioni avvengono tramite alcune piegature del tessuto e mediante l’utilizzo di diversi sistemi di chiusura”

ci spiega la stilista. Che continua:

“Con l’ausilio di tasche interne ed esterne, studiate nei punti giusti, la borsa diventa giacca, abito da giorno o da sera.”

L’obiettivo di un tale sistema ingegnoso è quello di creare prodotti utili, innovativi ed immediati, senza trascurare il contenuto puramente stilistico del prodotto, sempre raffinato ed in linea con le tendenze moda, e l’artigianalità, quella che scaturisce dall’accuratezza dei dettagli e delle rifiniture.

Grande è l’attenzione nella scelta della cura dei materiali, in funzione del’immagine e della qualità del prodotto finale: si tratta di tessuto tecnico, ottoman di cotone, georgette di seta:

“i primi due hanno la caratteristica di rigidità sufficiente a poter dare alla giacca o al gilet una froma strutturata e, al tempo stesso, quando si trasformano in borsa, di mantenere una forma stabile”

ci spiega Alessandra Carrer. I colori? La pallette cromatica cade sulla predominanza del neutro, con il nero in maggiore percentuale capace di regalare alla collezione il massimo dello splendore e dell’eleganza. Non ci credete?

Alessandra Carrer

Rispondi