Kristen Stewart risponde alle critiche sulle sue pose nelle foto dei Red Carpet

di Lorena Scopelliti Commenta

 

Kristen Stewart critiche giornali pose fotografiche

Kristen Stewart proprio non ci sta: conclusosi il Festival di Cannes, che l’ha vista tra le protagoniste, ha dovuto fare i conti con la spietatezza dei tabloid. In molti le muovono critiche sull’atteggiamento che assume quando si fa fotografare: negli scatti Kristen non sorride praticamente mai e spesso ha un’espressione tra l’annoiato e l’infastidito.

In definitiva, diciamoci la verità, preferiamo di gran lunga il broncio delizioso della Stewart alle pose costruite, finte e palesemente ipocrite di molte sue colleghe: si ride prima di tutto con gli occhi e sui Red Carpet gli sguardi sono sovente spenti, nonostante la dentatura perfetta e sempre uguale sia completamente scoperta e in bella vista. Detto questo è anche vero che Kristen sembra fare fatica a stare sotto i riflettori: questione di timidezza o paura di non essere all’altezza?

Semplicemente, forse, l’attrice non è caratterialmente incline a manifestazioni di falsa contentezza pubblica esibita a comando: probabilmente dovrà imparare, visto che il suo lavoro, per forza di cose, la porterà sempre ad affrontare situazioni da Red Carpet (ce lo auguriamo per lei e il suo successo, in ogni caso).

In un’intervista rilasciata a Vanity Fair Kristen si è espressa, a proposito della questione, con toni piuttosto duri: niene mezze misure per la Bella di Twilight, non è decisamente una ragazza che teme di dire quel che pensa! Sulla polmica di non apparire perfetta nelle foto, ha dichiarato quanto segue (edulcorato da chi vi scrive dalle numerose espressioni di turpiloquio):

Su questo fatto ho sentito tante malelingue in giro. Ma io non me ne vergogno. Io ne vado fiera. Se apparissi perfetta in tutte le foto, le persone accanto a me di certo penserebbero Che attrice! Che persona falsa! Ecco, questo mi imbarazzerebbe molto di più rispetto al fatto di venire male nelle foto, di cui non me ne frega niente. Quello che a me importa è che quando le persone lasciano la stanza pensino È cool, fa divertire, è onesta. Non mi curo della voracità degli affamati mangiatori di stupidaggini, che vorrebbero trasformare la verità in altro.

Photo credit| Getty Images