Naomi Campbell per la p/e 2012 di Pinko

di Lorena Scopelliti Commenta

naomi campbell testimonial Pinko p/e 2012

Passano gli anni, cambiano le mode, si trasforma la realtà sociale ed economica ma, a quanto sembra, i gusti profondi dei consumatori rimangono invariati. La conferma ci arriva da alcuni nomi sempre alla ribalta, vere e proprie icone come Kate Moss che continua a non sbagliare un colpo, Claudia Schiffer musa di Lagerfeld per Chanel, Meryl Streep sul primo numero del 2012 di Vogue America e la pantera nera delle passerelle Naomi Campbell.

Naomi è una di quelle rare creature (ne nasce al massimo una ogni trent’anni), che acquisisce punti, charme e bellezza nonostante il tempo che scorre. O forse proprio in virtù di esso, chi lo sa: sono miracoli della natura inconoscibili. La splendida quarantenne, oltre a rappresentare la p/e 2012 di Roberto Cavalli, si afferma come volto di Pinko, brand che essenzialmente si rivolge a un target giovane, ma che evidentemente ha trovato un riscontro più che positivo nel proporre Naomi come testimonial.

I fotografi che hanno realizzato la campagna sono Daniele&Lango, duo di talenti giovanissimo e noto nel panorama internazionale del fahion business e del circuito delle riviste di noda più importanti. La scelta è caduta su un bianco e nero netto e ricco di contrasti, profondità e morbidezza di chiaroscuri. Naomi è insuperabile in quanto a grazia e charme e posa come poche (davanti a lei forse solo la mitica Kate) davanti alla macchina fotografica: luminosa, fresca, con gambe chilometriche e atteggiamento ironico.

Magnifico lo scatto in cui indossa un abito plissettato, lungo fino ai piedi, che la modella solleva ai lati creando un gioco di geometrie mozzafiato: il risultato optical, dalle simmetrie affascinanti e dai grafismi che sembrano tratteggiati da un lapis, mi hanno ricordato molto Dovima e gli elefanti, uno dei capolavori più conosciuti del mito Richard Avedon.

I capi della collezione p/e 2012 di Pinko scivolano sul corpo leggeri come seconda pelle, oppure definiscono la figura con strutture lineari e nette, come nel jeans bianco skinny portato con un chiodo in pelle aderente. Abiti gioiello con lampi di lurex e cristalli che fasciano la silhoutte senza lasciare spazio alla fantasia, vestitini strizzatissimi e mini con orlo a frange che scoprono completamente le gambe. Oro, argento, bianco, nero ed effetto latex dominano nelle nuances. Una linea per donne che amano esibirsi, senza falsi pudori, perché si piacciono e non hanno paura di esprimersi.