Parigi Alta Moda: Jean Paul Gaultier a/i 2012 2013

di Sandra Rondini Commenta

È dedicata a George Sand, famosa scrittrice francese dell’Ottocento l’ultima collezione di alta moda a/i 2012-2013 di Jean Paul Gaultier. Donna passata alla storia per il suo anticonformismo, amante della vita e dell’amore, fu un’autrice prolifera oltre che una donna che fece molto parlare di sé all’epoca per la sua trasgressività.

Deve essere stato questo lato della sua personalità, oltre alle belle opere scritte ad ispirare Jean Paul Gaultier con un omaggio di alta moda fatta di look androgini se non mascolini, con tanto di completi con frac e cilindro. Rigorosi, eppur sensuali per chi ama igiocare con l propria identità, benché siano difficilmente portabili, non sono ceto gli smoking di Yves Saint Laurent!

L’atmosfera si accende quando in tutta questa atmosfera noir compaiono abiti chiaramente ispirati alla sua grande amica e fan, la pop star Madonna, e al famoso abito creato per lei col decolté completamente scoperto. Madonna ritorna anche nei bustier metallici color oro davvero spettacolari, ma, ancora una volta: la domanda è: chi li indosserà? Giusto qualche performer su un palco! L’alta moda forse dovrebbe essere meno eterea e fantasiosa e pensare un po’ di più alle signore che sognano un abito su misura per poterlo sfoggiare in occasioni importanti e non on stage o al circo.

Per fortuna a un certo punto, uno dietro l’altro, iniziano ad uscire, in diverse nuance molto eleganti, come il cammello e colori pastello, pellicce da diva, capispalla estremamente sartoriali e dal design molto interessante, fino a jumpsuit viola, abiti dall’allure anni venti e per concludere tantissimo oro. Mantelle immense foderate di oro attraversano la passerella e i volti delle signore si illuminano, finalmente hanno adocchiato qualcosa di estremamente interessante. La sposa esce direttamente a braccetto dello stilista e per riprendere il tema iniziale del frac, al posto del velo ha un ironico cilindro, costruito come una gabbia rigida di tulle.

Foto Credits Getty Images