La Regina Elisabetta trendsetter involontaria con il suo look unico e originale

di Sandra Rondini Commenta

È decisamente il suo anno il 2012. Con i festeggiamenti per il suo Giubileo di Diamante, la Regina Elisabetta II è davvero al centro del mondo, non solo perché i suoi 60 anni di regno sono un evento storico, ma anche perché tutti i campi, dallo spettacolo al design fino alla moda lo stanno celebrando ognuno secondo il suo stile.


Vivienne Westwood, oltre ad avere realizzato una capsule collection couture dedicata proprio alla Regina e al suo Giubileo, nella collezione pret à portér autunno-inverno 2012/2013 ha mandato in passerella tante modelle con legato sotto il collo il mitico foulard che la Regina tanto ama per le sue uscite in campagna con i suoi adorati cagnolini. Selfridges, la catena britannica di grandi magazzini, con il megastore principale con sede a Oxford Street a Londra, sta celebrando con una visitatissima mostra i capi iconici del look di Elisabetta II come cappellini, borsette, stivali wellies, Barbour e l’immancabile kilt.

Benché non sia mai piaciuto granché agli addetti ai lavori della moda, così monotono con quei cappellini e colori pastello, lo stile della Regina resta in assoluto uno “stile” ben preciso, riconoscibile e personale, inconfondibile. E, in fondo, avere stile è proprio questo, ossia averne uno solo nostro che parla di noi al mondo. E un outfit in “stile della Regina Elisabetta II” lo riconosci come subito a prima vista. In particolare le sue borsette così tradizionali, dal design rettangolare, di pelle di vitello con doppio manico, realizzate dalla pelletteria Launer London, hanno registrato in quest’ultimo periodo un’impennata di vendite persino tra le giovanissime che nel loro outfit non vogliono farsi mancare un accessorio cult.

Si racconta che quegli abiti dai colori così vivaci servano alla security per individuarla in mezzo alla folla sempre e proteggerla da possibili attentatori. Non sappiamo se sia la verità, in fondo quale personaggio di spicco ha mai accettato di vestirsi in una certa maniera per timore di attentati? Pensiamo ad esempio al Presidente degli Stati Uniti. E poi come avrebbe sopportato di doverlo fare per sessant’anni di fila? Noi abbiamo un’opinione diversa. Ad Elisabetta II sono sempre piaciuti quei colori così vistosi e le sue guardie del corpo hanno trovato il modo di sfruttare questa sua passione per meglio proteggerla.

credit images | Getty