Le slippers, l’alternativa comoda e fashion alle ballerine

di Lorena Scopelliti Commenta

 

 

moda tendenza scarpe slippers pantofole

Comodità, nelle scarpe, dovrebbe essere la parola d’ordine: ma come fare per ottenere allo stesso tempo pieno comfort e tendenza in una calzatura? Per non rinunciare a essere trendy ci sono le ballerine, ormai un vero cult, ma oggi l’alternativa si chiama slippers!

Traduciamo, letteralmente, dall’inglese: slippers altro non vuol dire che pantofola. Già questo dovrebbe portarci sulla buona strada, per capire di cosa stiamo parlando: le slippers sono nate un paio d’anni fa come accessorio di moda tipicamente maschile, ma le case di moda non hanno tardato a proporle anche in versione prettamente femminile, impreziosite da dettagli leziosi o decori più glamour.

Trattatasi di una vera e propria pantofolina, spesso molto chic e raffinatissima e altre volte basic e minimalista, che sostituisce in modo ironico la classica ballerina per chi da una scarpa chiede innanizitutto la praticità e la perfetta vestibilità. Le slippers aggiungono un’aura a metà tra l’intellettuale e il sofisticato che potrebbe avere un buon successo tra le fashion aholic. Ricordano molto le calzature domestiche ai piedi degli uomini di fine Ottocento ricchi, potenti e pieni di charme, che nelle loro lussuose dimore non andavano di certo in giro con banali infradito (probabilmente perché dovevano ancora inventarle).

Le slippers da donna, per Miu Miu, si vestono di opulento velluto dai toni profondi come il vino e il blue notte: decori dorati in stile barocco campeggiano frontali e il tacco è decorato da cristalli luminosi. Per Pretty Ballerinas, invece, le slippers sono un vero e proprio accessorio giocoso: l’animalier leopardato caratterizza la pantofolina della casa di moda spagnola. Come si indossano? Con vestitini al ginocchio, jeans skinny o boy-friend e, soprattutto, con i pantaloni a sigaretta che si fermano alla caviglia: stanno meglio alle più slanciate ed esili rispetto alle rotondette e piccoline ma, si sa, la tendenza deve essere interpretata e fatta propria!