Gangnam Style di PSY seduce anche Madonna

di Sandra Rondini Commenta

Madonna, sempre a caccia di nuove tendenze che la confermino attenta talent scout di tutto ciò che è cool, si è esibita a sorpresa con il rapper coreano PSY, autore del tormentone del momento “Gangnam Style”. E’ avvenuto a New York al Madison Square Garden durante l’ultimo concerto della pop star.

All’improvviso, mentre Madonna, in chiodo e minidress di pelle e pizzo nero, si esibiva sul palco per la gioia dei suoi tantissimi fan nella canzone “Give it 2 to me”, ha fatto la sua comparsa il rapper PSY e, mentre la base della sua hit si remixava con quella di “Gangnam Style”, la scatenata Madonna ha improvvisato un balletto con i famosi passi da rodeo della canzone coreana.

Il risultato è stato un vero e proprio successo e i video live registrati dai suoi fan che hanno subito documentato l’originale performance hanno fatto subito il giro del mondo. Per lei PSY è arrivato direttamente dalla Germania e certo non poteva perdersi l’occasione irripetibile di esibirsi sul palco con l’unica e sola vera regina del pop.

Per il rapper coreano che recentemente ha trionfato anche agli MTV EMA 2012 di Francoforte, in Germania, nella categoria “Best video”, si tratta della definitiva consacrazione del suo successo. Quanto effimero non si sa, visto che è legato solo ad una canzone che parla del quartiere più trendy e snob di Seoul, in pratica una sorta di Beverly Hills in salsa coreana.

Sul palco con Madonna il rapper PSY ha indossato il look per cui è famoso e riconoscibile in tutto il mondo, uno smoking rosso fuoco con fusciacca e papillon e i suoi occhiali tondi in vetro fumè. A sorpresa Madonna, davvero sexy e perfetta nella sua versione di “Gangnam Style”, durante l’esibizione newyorkese ha sollevato il suo abitino in pelle nera per rivelare un paio di slip rossi in perfetto pendant con il look di PSY.

Photo Credit | Vanity Fair

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>