La provocazione di Love Magazine nel numero di febbraio 2011

di Federica Perrozziello Commenta

Il 2011 sembra essersi posto come l’anno delle provocazioni, infatti dopo Vogue Paris ed il polverone alzato dalle foto di Tom Ford, passiamo adesso ad un magazine inglese, di non meno importanza, LoveMagazine, diretto da Katie Grand. Per il mese di febbraio, infatti, si alzerò sicuramente un grosso polverone, e probabilmente gli inglesi storceranno il naso, grazie alla cover del mese che prevede in copertina come protagoniste indiscusse della scena Kate Moss e Lea T. Il titolo della rivista di febbraio è “Androgyn” e l’editoriale in cui sono ritratte le due modelle ha un titolo che è la giusta sintesi di ciò che viene presentato nell’immagine: “This is hardcore”.

Beh come si può intuire, le due modelle sicuramente non stanno sfilando, ma sono immortalate in un bacio saffico appassionato, carico di attrazione e passione, comunicando una grande carica erotica. Le foto sono firmate da Riccardo Tisci, stilista di Givenchy che per la campagna Fall 2010 aveva già scelto Lea T come sua punta di diamante. Lea T, infatti, ha una storia particolarmente travagliata, prima di incontrare la maison di moda, essendo una modella transessuale, assolutamente non accettata da tutti, così Tisci inserendola nel suo staff è riuscito a lanciarla nel mondo della moda, grazie alla sua assoluta bellezza e perfezione.

Ecco che il sogno proibito di ogni uomo diventa realtà, in uno scatto che sembra quasi rubato, spiato, sorprendendo le due donne esattamente nell’atto di baciarsi. Entrambe le modelle controverse, dal passato sicuramente movimentato e tra le personalità del mondo patinato più ricercate dai gossip e dai paparazzi, questa volta, volutamente, lanceranno una provocazione, per un numero assolutamente da non perdere, e che si unirà, a mio avviso, alle già molte provocazioni di questo breve inizio d’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>