Balmain porta l’estetica trash punk nella p/e 2011

di Redazione Commenta

Spread the love

La collezione di Balmain per la primavera estate 2011 si contraddistingue per i suoi looks selvaggi, ribelli e sexy, sempre con molto stile ed eleganza. Abbandonando definitivamente le spalline che aveva fatto diventare un must della scorsa stagione, Christophe Decarnin ha presentato una collezione con chiari riferimenti agli anni 80 e al mondo del rock (vedi tutte le foto della sfilata nella gallery alla fine dell’articolo).

L’ispirazione rock è colta nella sua sfaccettatura più dura riprendendo l‘estetica trash del movimento punk. L’effetto destroyer è il punto centrale della collezione con abiti rotti, scoloriti o macchiati. Sulla passerella giacche di pelle stile biker nere o colorate di rosso, mini gonne e shorts cortissimi, giacche e magliette piene di decorazioni di evidente ispirazione punk.

I forti eccessi dello stile estremo sono ammorbiditi dall’uso del jeans che ammorbidisce un po’ la collezione.

I pantaloni alla caviglia con risvolto stile Capri sono i veri protagonisti della sfilata, abbinati a maglie macchiate dall’effetto rovinato tra le quali alcune con la bandiera americana che potrebbe interpretarsi come un omaggio a Madonna e all’estetica della regina de pop negli anni 80. I disegni di Christophe Decarnin danno vita a una nuova tendenza quella del sexy trash in versione deluxe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>