Donna Karan presenta la sua villa caraibica su Architectural Digest

di Paola Perfetti Commenta


Le eleganti signore che vedete su questa copertina sono Donna Karan e la sorella Gabrielle, in posa per la rivista di arredamento, e non solo, Architectural Digest.

E il salotto di gran lusso? La loro casa da sogno a Turks and Caicos Islands, nel Mar dei Caraibi.

La supervilla, infatti, sarà la protagonista del numero di Dicembre 2009 di Architectural Digest in quanto felice esempio di architettura preziosa, ecocompatibile, ed espressione dell’amore di una famiglia.

E’ la stessa Donna Karan a raccontare la storia di questo luogo magico ed incredibilmente paradisiaco – guardate le foto della gallery!

La casa, o meglio, “il santuario” nasce su un terreno regalatole 9 anni fa dal suo ultimo marito, Stephan Weiss, per i 17 anni di matrimonio e pochi mesi prima che Weiss morisse di un brutto male.

Un terreno esteso, accanto al quale si trova ancora oggi una spiaggia così bianca “che al tramondo riluccica come una sposa“, ha detto la Karan, e dove oggi si trova una dimora dagli spazi immensi – così come promesso al marito – in cui tenere sotto lo stesso tetto, ma comunque ciascuno con la propria privacy, i 3 figli nati dal loro amore.

Un luogo dell’amore dunque,  per la famiglia e per la natura, in cui trovare la pace grazie anche alle scelte estetiche e strutturali condivise ccon l’architetto Cheong Yew Kuan.

Come vedrete dalle immagini, si tratta di una grande casa colonica centrale, con tanto di padiglione, una spa, due casette per gli ospiti, un padiglione-depandance e persino un luogo esclusivo per lo yoga.

Un luogo armonico di per sè e capace di convivere felicemente con la natura, aperto sullo spazio circostante, racchiuso in un involucro di vetro e legno.

Una casa “albero” l’ha definito la stessa Donna Karan, io lo definerei un sogno straordinario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>