Nina Senicar, madrina del Motorshow di Bologna e maestra di etichetta nel fashion e nel make up

di Sandra Rondini 4


La modella e showgirl serba Nina Senicar, ex Miss Jugoslavia (o meglio, vincitrice di Miss March 2002, una fascia di minor valore all’interno del concorso di bellezza), è nota a tutti per la sua alta carica di seduzione. Da quando è arrivata in Italia ha cominciato una carriera da testimonial davvero impressionante passando da Tiscali a Miss Sixty fino a Intimo Roberta. Molto bella, dalla silhouette formosa stile Jessica Rabbit, Nina Senicar è considerata una dei nuovi sex symbol di questa Italia in cui le vere dive non esistono più.

Così ci si deve accontentare di questa ragazza, per carità, molto bella, ma non bellissima. Seducente, ma sul filo del rasoio della volgarità. Nel 2006, infatti, è stata scelta per essere una delle protagoniste del calendario 2007 dell’edizione francese della rivista “Max”, in pose non certo regali… ma il calendario in Italia è un passepartout che apre molte porte e garantisce almeno un ‘vitalizio’ da velina.


Ruolo svolto nel 2007 per Teo Mammucari nel demenziale programma “Distraction” e l’anno seguente per Ezio Greggio nel programma estivo “Veline” su Canale 5. Nina Senicarè poi tornata a fare la velina nel 2010 nell’edizione estiva di “Velone” accanto ad Enzo Iacchetti dopo la parentesi de “L’Isola dei famosi” dove fu al centro di molte polemiche montate ad arte per lanciare la sua immagine.

Protagonista del video musicale “Smile” di Dj Ben, in questi giorni Nina Senicar è la madrina del Motor Show di Bologna, il Salone Internazionale dell’Automobile, in programma dal 3 all’11 dicembre. Donne e motori. Un’accoppiata sempre vincente nella mentalità maschile. E chi meglio della Senicar poteva incarnare quello che è un semplice stereotipo? Perché nella realtà la bella Nina è una ragazza normalissima, conscia della sua bellezza, ma non esibizionista. Adora i minidress che mettono in evidenza le sue lunghe gambe da gazzella e soprattutto i tacchi alti.

Ha un certo gusto nell’etichetta del buon vestire perché, se scopre generosamente il decoltè (più in televisione che nella vita) in genere cerca di bilanciare coprendo il sotto con dei lunghi pants neri skinny o, al contrario, se sono le gambe il focus del suo outfit sopra è quasi monacale, tanto che a restare scoperte sono solo le braccia.

Una lezione che molte sue colleghe dovrebbero seriamente imparare perché vale nella moda così come nel make up: se si truccano troppo gli occhi, allora le labbra potranno concedersi appena  un leggero lipstick. Al contrario, potranno essere illuminate da colori decisi se sugli occhi si passa appena un po’ di ombretto e un velo di mascara. Proprio come fa Nina Senicar, maestra nel non essere mai overdressed o volgarmente truccata.

Commenti (4)

  1. una domanda…in che anno è stata miss Jugoslavia?

  2. In realtà non mi risulta che sia mai stata miss yugoslavia. In che anno vi risulta lo sia stata? Ci sono gli elenchi ufficiali delle miss e lei non risulta!!!! Controllate e fateci sapere meglio.

  3. Da Wikipedia: “in realtà alla Seničar è stato assegnato il titolo di Miss March 2002, interno al concorso di Miss Jugoslavia.” – insomma c’è una bella differenza con il definirla Miss Yugoslavia!!!!

  4. Avete ragione, ha vinto una fascia di minor valore, una delle tante che esistino anche da noi e che fanno capo agli sponsor del concorso. Ma ha pur sempre vinto qualcosa all’interno di quell’edizione del concorso, chi se la ricorda più invece la Miss Jugoslavia di quell’anno? Da noi Sophia Loren non vinse e fu premiata come Miss Eleganza nel 1950, anno in cui Miss Italia fu eletta una certa Anna Maria Bugliari,Voi ne avete mai sentito parlare?
    Comunque, è giusto puntualizzare che Nina non è mai stata Miss Jugoslavia, per dovere di cronaca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>