San Valentino 2011: La Pashmina ecologica Eco Toosh

di Monica De Chirico Commenta

Da un commento di una nostra lettrice, che ringrazio, ho preso spunto per presentarvi un’altra idea regalo per San Valentino. Anche oggi la mia proposta è nel settore accessori, ma in tema con il periodo invernale e le temperature che ancora stentano ad aumentare. Uno scialle in cachmere che lo tenga al caldo e lo renda ancora più elegante.Eco Toosh è un marchio italiano che realizza,  tramite un procedimento innovativo, e brevettato scialli in filato di cachmere finissimo. Si tratta di pashmine leggerissime di 1 metro per 2 per un peso di 40 g. Si tratta di un prodotto ecologico che si ispira al classico shatoosh, ovvero la pashmina impalpabile che passa attraverso un anello. A differenza degli shatoosh, i tessuti Eco Toosh non sono prodotti con la costosa lana di antilope tibetana, chiamata lana degli dei per il suo pregio, che oggi è vietata per salvaguardare la vita di questa specie. Infatti l’antilope tibetana, a differenza di altri animali domestici o selvatici soggetti a tosatura, viene sempre uccisa per recuperare il suo pelo. Si pensi che per confezionare uno scialle lungo un metro per due bisogna uccidere tre antilopi.
Sul sito potrete visionare tutti i vari modelli con le foto dei vip, fan di questo articolo. Unica nota negativa è il prezzo, si parte infatti dai 300 euro. Ce ne sono di colorate con diverse fantasie, a tinta unita, o con ricami che si rifanno alla cultura orientale. Da ricordare tra le varie indicazioni per l’utilizzo di questo scialle per conservarne la bellezza, la leggerezza e la delicatezza è di evitare il contatto con la barba o con tessuti ruvidi che può causare un invecchiamento precoce. Inoltre sono articoli che vanno lavati solo a secco.
Photos: via Eco Toosh e Blogspot

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>