White Milano, il salone di moda dal 24 al 26 di settembre

di Redazione Commenta

Il White Milano, il salone internazionale di moda, si conferma come leader del settore proponendo per l’edizione di questo mese di settembre, che apre oggi venerdi 24 le sue porte al pubbico fino al 26, un calendario interessantissimo.

Confermata la presenza di 356 marche che presenteranno le loro collezioni di abbigliamento ed accessori per la primavera estate 2012. Delle marche presenti al salone solo 107 sono straniere, per il resto stiamo parlando di Made in Italy. Il White di Milano ci tiene a conservare il suo status di eccellenza qualitativa, le firme presenti sono state selezionate tra i tanti brand che aspirano ad esporre nel fashion trade. La creatività e la ricerca sono importanti quanto la tradizione e la cultura ed ogni firma in esposizione nel salone ha molto di sè da raccontare.

Nomi consolidati si alternato a talenti emergenti in uno spazio dove la moda come prodotto di alta qualità è la vera protagonista. Promuovere i giovani è senza dubbio una priorità per il salone e tanti sono i nomi che pur non essendo ancora famosi sono comunque conosciuti o si stanno facendo conoscere proprio attraverso il White di Milano.

Esempio ne è la stilista Veronica Toscano che presenta nel salone la sua collezione per l’estate ispirata all’aria, la terra e il fuoco. Un recupero delle origini che prende forma attraverso l’utilizzo di print che rappresentano le genesi stessa del nostro pianeta: i quarzi per il fuoco, il caledoscopio per l’aria e i fossili per la terra. A sottolineare il forte vincolo tra l’uomo e la natura un dettaglio del tutto originale che caratterizza ed identifica i capi della designer: le passamarie che ricordano le cime delle navi o le corde utilizzate per arrampicarsi in montagna, un particolare che simbolizza l’unione dei due elementi. Un concept, quello della collezione di Veronica Toscano, totalmente in linea con la filosofia del White di Milano che si propone di riscoprire valori perduti della storia e della cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>