Mostra “Somewhere Else” nell’Espace Culturel Louis Vuitton

di Redazione Commenta

Per la sua 14° esposizione, lo Spazio Culturale Louis Vuitton propone una nuova variazione sul tema del viaggio, fil rouge di tutte le collezioni, fin dalla nascita del marchio. In questa occasione la Maison sceglie di far scoprire l'”Ailleurs” il Somewhere Else, di 18 artisti, per così dire ‘” spedizionieri”. La spedizione diventa in questo modo un incontro artistico. Una visione dell’universo artistico Louis Vuitton che questa volta passa attraverso dipinti, ma non solo.
La natura della spedizione alla quale questi artisti si dedicano può variare nettamente. Si tratta di un incontro con nuovi spazi e nuovi esseri umani a volte distanti, a volte vicini, ma sempre “altri/diversi”.  Somewhere Else si aprirà con il tragico esempio di Bas Jan Ander, che salpò nel 1975 per traversare l’Atlantico su una barca inadeguata e con l”esempio di Giovanni Anselmo che scalò lo Stromboli, come espressione di contatto con l’infinito.  Un omaggio inoltre al lavoro artistico e pionieristico di Paul Gauguin nel Pacifico. Esempi artistici che enfatizzano la necessità poetica della partenza verso l’Altrove, l’Ailleurs.
Numerosi artisti presenti in mostra esplorano l’altrove geografico. Alcuni esempi: Joanna Malinowska viaggia più lontano deglialtri, nelle ostili regioni Artiche. Fernando Prats cattura le tracce di un’eruzione vulcanica. Fabrice Langlade pianifica l’installazione di un ponte di porcellana sulle steppe della Mongolia. Luc Mattenberger sembra essersi impossessato della luna, mentre Laurent Mulot disegna centri d’arte fantasma in location inusuali.
Il somewhere else può essere simboleggiato anche dall’altro/diverso. Il filo conduttore del lavoro di Yann Dumoget insieme a Marc Horowitz è la ricerca dell’altro nel suo bisogno di interagire. Lucy e Jorge Orta dimostrano un forte impegno verso l’abolizione delle nazionalità. La spedizione inoltre prende la forma del ricordo di un’esperienza lontana, come quella intrapresa da Tia-Calli Borlase.

Ancora una volta Louis Vuitton ci fa sognare ed entrare in una dimensione del viaggio sempre nuova. La mostra si terrà fino all’8 Maggio 2011, quindi se siete a Parigi in quel periodo e vi trovate sui bellissimi Champs Elysées, vi consiglio di entrare e oltre ad ammirare le intramontabili borse fermatevi a guardare le diverse rappresentazioni dell’Altrove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>