Pitti Bimbo 2011: dalla Spagna, Asepri e il marchio españa alla conquista del mercato italiano

di Paola Perfetti Commenta

Eccoci ancora a parlare della buona moda bimbo, quella che fa bene al cuore e al guardaroba dei più piccini.

Non parliamo di un unico brand, però, ma del mondo di Asepri, ovvero, tradotto in italiano, della Associazione Spagnola della Produzione per l’Infanzia. Composta da 29 aziende spagnole di moda infantile, all’ultima edizione di Pitti Bimbo, la 72ma, ha esposto le novità per il prossimo autunno inverno 2011-2012, ma non solo, c’erano anche “dei quaderni speciali”.  Insomma, moda iberica, sì, ma dove i sapori e l’essenza dell’infanzia non sono poi così diversi da quelli italiani. E c’era anche una nostra amata conoscenza, Agatha Ruiz de la Prada

Dal 20 al 22 gennaio scorsi, Firenze ha nuovamente accolto una delle più importanti fiere internazionali, Pitti Bimbo, dove il settore spagnolo di prodotti per l’infanzia è stato rappresentato da 29 marchi di moda infantile. Mai come in questa edizione, però, si è vista crescere in modo una così importante la partecipazione di aziende di calzature (sono state ben otto) insieme a marchi noti fra tutti i fashion addicted, con la prima volta di brand del calibro di Agatha Ruiz de la Prada shoes (Garvalin), Leon Shoes e Conguitos. Diversi marchi, è vero, e in questo caso tutti iberici e tutti contraddistinti dall’amore per la tradizione, l’ecologia, la tecnologia e i valori del marchio españa – qualità, sicurezza, innovazione e stile – che inizia la sua espansione internazionale con l’implementazione di corner in mercati internazionali come in Italia, Regno Unito, Giappone, Cina e America Centrale. Ma andiamo con ordine.

ASEPRI

A raccogliere tutto questo e in un solo progetto c’era ASEPRI che, proprio durante la kermesse fiorentina ha presentato il nuovo quaderno di tendenze Kids Trends by asepri.es moda infantile primavera – estate 2012 e il primo quaderno di tendenze di puericultura autunno/inverno 2011-2012 dove a farla da padroni sono stati i mood folk, le stampe naif e floreali stile carta dipinta vintage. Ma anche lo stile “farmer” e quello “country life” (che abbiamo visto anche ieri) senza dimenticare una certa attenzione verso l’ecologia e la proposta di colori in cui hanno dominato la pietra, il verde lichene, la nuance “nebbia”, e poi marrone, corallo, azzurro lavanda e marron glacé.

“Aree bohemienne per una moda infantile che ricorre al velluto vintage e ai quadri come segni di semplice eleganza”

ci tengono a sottolineare Asepri che  ha lavorato con il marchio españa insieme per la realizzazione dei già citati “quaderni delle tendenze”.

I quaderni delle tendenze Kids Trends by asepri.es

Il nuovo quaderno di tendenze Kids Trends by asepri.es di moda infantile primavera-estate 2012, così come il primo quaderno di tendenze del settore della puericultura 2011-2012 sono i due progetti che fissano i must delle principali proposte per la prossima stagione, promovendo la creatività e l’innovazione e spingendo la produttività e la competitività delle aziende di moda infantile e puericultura.

Dopo la pubblicazione di quattro precedenti quaderni di tendenze che hanno ottenuto l’appoggio del settore spagnolo dell’infanzia, Kids Trends by asepri.es moda infantile primavera-estate 2012 include come l’ampliamento della gamma di colore e nuove, diverse combinazioni cromatiche; un campionario di colore in filatura, decine di figurini tecnici e silhouette, più riferimenti di moda bebè e nuove immagini di sfilata.

Le quattro macrotendenze di moda infantile bambino, bambina e bebè, per la stagione primavera-estate 2012 si chiamano infatti Tribù Subaquatiche, Nomadi Urbani, Sorbetto, Tecnicolor e Laboratorio del Romanticismo e sono proposte che elogiano la semplicità e definiscono l’emotività aldilà della funzionalità.

I “quaderni” di Asepri.es, poi, nascono anche in collaborazione con AIJU (Instituto Tecnológico del Juguete) con il quale, proprio nell’occasione di Pitti Bimbo, hanno pubblicato il primo quaderno di tendenze di puericultura 2011-2012, il progetto che riunisce le proposte più interessanti del mercato conformi alle tendenze, mettendo in evidenza idee e concetti che permettono al produttore adattare uno stesso prodotto a differenti pubblici.

“In questo senso, non solo si identifica le tendenze più innovatrici di sviluppo di prodotto, ma inoltre svela le tendenze estetiche applicate al prodotto con proposte di stampe in tessitura e colorate, forme e materiali. Offre anche i principali argomenti di marketing per ciascuna tendenza ed indica l’indice di penetrazione di ciascuna.Il quaderno di tendenze di Puericultura 2011-2012 è stato elaborato a partire da diverse analisi di mercato, indagini sul campo e differenti studi sociologici, che hanno dato come risultato cinque macro-tendenze di sviluppo di prodotto (Convenience, Safety Obsessions, An Expression of Myself, Natural Instinct e Eco Good) e otto proposte concettuali di applicazioni estetiche (Flashback, Flashfoward, New masculine, New Femenine, Welcome Home, Hello World, Once Upon a Time y Adult Connection)”

ci spiegano. Ma … quali sono i nomi e dove trovare tutto ciò?

Obiettivi e business trade di Asepri

Asepri intende espandere a livello internazionale il marchio españa e miraintrodurre, a partire dal 2011, i corner del marchio españa in “mercati obiettivo” come l’ Italia, Regno Unito, Giappone, Cina e America Centrale con il fine di rafforzare la presenza delle aziende spagnole di moda infantile e puericultura e conquistare la fedeltà del consumatore e farà conoscere i valori che rappresentano le aziende spagnole di prodotti per l’infanzia.

I corner Asepri …

… quindi, saranno spazi interattivi per tutta la famiglia, e dove saranno presenti le aziende spagnole di moda infantile e puericultura più esclusive ed internazionali. In concreto, ci saranno zone dedicate al gioco per i più piccoli e di riposo per i genitori, ospiterà sfilate di moda infantile dove i bambini saranno i protagonisti, e tra le altre iniziative diverse promozioni e tessere di fidelizzazione dei clienti.

Il presidente di Asepri, Vicente Mompó, ha sottolineato che Italia è il principale Paese destinatario dei prodotti spagnoli per l’infanzia e per questo è uno dei mercati più importanti per portare a compimento questa iniziativa. Proprio in quest’ottica ha ricordato l’avvio da ASEPRI di Piccolo Pianeta Spagna, lo showroom e ufficio commerciale di aziende spagnole del settore di prodotti per l’ infanzia che compie nel 2011 il suo terzo anniversario a Milano, sottolineando anche il bilancio molto positivo della andatura di Piccolo Pianeta Spagna visto l’incremento di volume d’affari delle sette aziende spagnole impegnate in questo progetto: Alondra (mobili per l’infanzia e corredino), Miniland Baby (giochi educativi e sicurezza) Suavinex (biberon e ciucci), Barcarola (cerimonia infantile) , Elisa Menuts e Lullaby (moda bebè e infantile) e Cuquito (calzature bebè).

Non ci resta che vedere insieme quali sono i brand sotto l’etichetta Asperi e marchio españa

AGATHA RUIZ DE LA PRADA, ANCAR, BYKIS, CRI CRI, CLIC!, CÓNDOR, CONGUITOS, CREEM JUNIOR, DESIGUAL, DUDU, ELI, GINKANA, INCA, MAYORAL, McBABY, NEWBORN MAYORAL, OCA- LOCA, OPT JUNIOR, PASITO A PASITO, PILI CARRERA, di cui dieci, AGATHA RUIZ DE LA PRADA BABY, BARCAROLA, BARONETTI, BÓBOLI, CUQUITO, GIOSEPPOKIDS, LEON SHOES, OH! SOLEIL, TUTTO PICCOLO.

Ma non è ancora finita: essendo un Asepri un’associazione di moda rivolta al mondo dell’infanzia, il marchio ha deciso di collaborare con UNICEF (Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia) principale organizzazione mondiale non governativa per la tutela dei diritti e delle condizioni di vita dell’infanzia e dell’adolescenza ASEPRI, e il marchio españa, aderiscono nell’ottobre 2010 al programma “Multiplica por la Infancia” di UNICEF, come ente collaboratore, l’iniziativa che coinvolge il settore privato nella scolarizzazione di milioni di bambini in Africa e per collaborare nella difesa dei diritti dell’infanzia più vulnerabile, con speciale enfasi su una delle priorità dell’ UNICEF -l’educazione di tutti i bambini nei paesi in via di sviluppo.

Saperne di più?

ASEPRI – ASEPRI E UNICEF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>