Stella McCartney è il marchio di moda più cercato su Google nel 2012

di Redazione Commenta

Stella McCartney è una delle stiliste più amate dalle celebrità, ma anche dalle persone comuni: la sua moda e la sua idea di moda è vincente e questo è uno dei motivi che le hanno fatto conquistare il primato per ricerca su Google, il motore di ricerca più utilizzato del mondo.

Stella McCartney è una stilista diversa dagli altri: aborre le pellicce e presta il suo volto, da anni, per PETA. La sua Falabella, borsa ormai diventata un vero e proprio cult tra le fashion aholic e non, è rigorosamente in faux leather e questo è una delle ragioni per cui la figlia dell’ex Beatles è adorata davvero da tutti e a 360 gradi: non è ipocrita, fa scelte coerenti con ciò che dichiara ed è innovativa, originali, mai ripetitiva.

È stata lei a capire (era ora!) che le donne in carne non vogliono più infagottarsi in tessuti pesanti e goffi: ha inventato un modello di abito che riesce a mascherare le rotondità attraverso il paradosso, ovvero enfatizzandole. Kate Winslet e Liv Tyler sono tra le estimatrici di questo magic dress, e in generale di tutta la sua produzione creativa. Come del resto Kyle Minogue, Cameron Diaz, Kristen Stewart e Kate Moss, che per i loro red carpet hanno più volte optato per una delle sue creazioni.

Dopo Stella McCartney, nella classifica dei più cercati di Google, compare il geniale Karl Lagerfeld. Seguono a ruota il brand di lingerie più famoso del mondo, Victoria’s Secret e il marchio inglese Burberry. Infine Mulberry, Alice Temperley e L.K.Bennett, questi ultimi due diventati celebri e noti anche al pubblico non avvezzo al mondo della moda grazie alla principessa inglese Kate Middleon, che li indossa frequentemente per le sue uscite ufficiali e anche informali.

Photo Credit| Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>