Crollo del commercio al dettaglio: gli imprenditori chiedono aiuto al Governo

 
Sandra Rondini
9 giugno 2012
2 commenti

1x1.trans Crollo del commercio al dettaglio: gli imprenditori chiedono aiuto al Governo

È crisi nera per la moda. Come denunciano i dati presentati dalla Confesercenti di Brescia in uno studio effettuato a livello nazionale sul commercio al dettaglio, cui hanno partecipato 200 attività nazionali e più di una trentina di realtà locali, il reddito d’impresa è sceso negli ultimi 5 anni del 32% nel settore abbigliamento e calzature.

Una vera catastrofe: se il 2012 è stato un annus horribilis per il commercio, se la situazione continuerà a restare com’è, se non a peggiorare, molti commercianti saranno costretti a chiudere, se non a dichiarare bancarotta. Con grave danno non solo per il commercio, ma anche per l’immagine dell’Italia nel mondo. Il Made in Italy è sempre stato uno dei punti di forza per il Paese, qualcosa a cui aggrapparsi per risalire la china anche nei momenti più bui. Attira da un punto di vista turistico e alimenta, di conseguenza il comparto produttivo. Ma se non c’è domanda a che serve proporre un’offerta? I magazzini sono pieni di merce invenduta, si moltiplicano tristi casi di suicidio di imprenditori falliti e quel 32 per cento, sebbene non inaspettato, alimenta un clima di sfiducia generale. Troppe tasse, troppa burocrazia, troppa contraffazione.

Troppi nemici contro cui combattere. Soccombere è fin troppo facile, anche a livello produttivo, abbassando il livello di know-how per vendere a prezzi sempre più bassi che però non permettono a chi produce di rientrare delle spese.Gli imprenditori provano a intervenire sui prezzi, diversifica la sua offerta, effettua vendite straordinarie (i saldi generano il 35% del fatturato, e gli sconti arrivano al 50% e oltre), mentre molti cambiano fornitori e riducono i costi generali. Il 14% degli imprenditori medita di lasciare il commercio indipendente, pensando di affidarsi ad una catena, rinunciando così alla propria libertà decisionale e gestionale.

Le voci “affitto” e “personale” pesano moltissimo sui bilanci, per questo i commercianti chiedono al Governo più agevolazioni fiscali e di alleggerire loro il costo del lavoro, il che, però, è un’arma a doppio taglio perché come può ripartire l’economia se si dimezza la busta paga dei dipendenti che poi non possono fare spese se non quelle necessarie. Ma il tempo stringe: negli ultimi tre anni ben 40mila imprese italiane del settore hanno cessato l’attività.

fonte bsnews.it
credit image | Getty

Articoli Correlati
YARPP
Liberalizzazione orari negozi: la proposta del governo Monti non convince

Liberalizzazione orari negozi: la proposta del governo Monti non convince

Per rispondere alla crisi il governo italiano si è lanciato nella grande crociata delle liberalizzazioni e ha iniziato dal liberalizzare gli orari di apertura e chiusura dei negozi. Dall’inizio di […]

Underwear e make up: in Arabia Saudita le donne non vogliono commessi maschi e il governo le accontenta

Underwear e make up: in Arabia Saudita le donne non vogliono commessi maschi e il governo le accontenta

Nel 2006 in Arabia Saudita fu approvata una legge, mai applicata, che impediva agli uomini di vendere abiti e cosmetici in negozi prevalentemente frequentati da donne. Da allora sono passati […]

Accessorize e le cuffie multicolor in pelliccia e raso per un dettaglio glam che fa la differenza

Accessorize e le cuffie multicolor in pelliccia e raso per un dettaglio glam che fa la differenza

  Simpatiche, colorate, sfiziose da indossare sia nelle giornate più fredde al posto del solito berretto di lana che per accendere con un touche ironico il proprio look. Stiamo parlano […]

Kate Middleton raggiungerà il podio dei British Fashion Awards grazie all’aiuto del Telegraph?

Kate Middleton raggiungerà il podio dei British Fashion Awards grazie all’aiuto del Telegraph?

Tanto si è parlato di lei come una delle nuove icone di stile che ce lo potevamo aspettare, non perchè se lo meritasse ma perchè alla gente sembra piaccia veramente […]

Coco Rocha cerca un nome per il suo marchio di moda, chiede aiuto ai fan su Youtube

Coco Rocha cerca un nome per il suo marchio di moda, chiede aiuto ai fan su Youtube

Dopo un trascorso come modella, amata da tutti gli stilisti, la bella Coco Rocha, ha deciso di buttarsi sempre sul campo della moda ma come stilista. Dopo tanto tempo passato […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento

 

  • #1Jaquelyn

    There is a writer named Stan Slap who wrote: The heart of a copamny’s performance is hardwired to the hearts of its managers.Anyways I think we can all learn from this knowledge on business to live better.

    10 mar 2014, 22:06 Rispondi|Quota
  • #2Shafaq

    Ho recuperato un cctinuoamo stampa di UNINDUSTRIA BOLOGNA , ufficiale , del 23-7-2007 che ri-pubblico perche8 da allora ad oggi ( inizio 2010) non e8 cambiato praticamente quasi nulla .._________________________________________AZIENDA MEDICALE 25 dipendenti fatturato 3,6 milioni di euroRisultato ante imposte : 370 mila €Ires (37%) 138 mila €Irap (15%) 54 mila €Totale pressione fiscale 52%Utile al netto dele imposte 178 mila €____________________________________________AZIENDA METALMECCANICA oltre 80 dipendenti fatturatoRisultato ante-imposte 798 milioni di €Ires (40%) 318 mila €Irap 284 mila €Totale pressione fiscale 76%Utile al netto delle imposte 196 mila €_____________________________________________AZIENDA TESSILE 40 Dipendenti -fatturato 7 milioni di €risultato ante-imposte 148 mila €Ires (51%) 75 mila €Irap (41%) 61 mila €Totale pressione fiscale 92%Utile al netto delle imposte 12 mila €

    12 mar 2014, 13:32 Rispondi|Quota