Milano Moda Uomo 2012: le sfilate più belle delle prime giornate

di Sandra Rondini Commenta

E’ in corso in questi giorni Milano Moda Uomo, in programma fino a domani. In tutto ben quattro intense giornate di presentazioni. In programma 76 collezioni primavera/esate 2013, di cui, 41 sfilate, 27 presentazioni negli showroom per 24 marchi e 10 presentazioni su appuntamento per 10 marchi.


Ad inaugurare il calendario delle sfilate è stata sabato 23 giugno la maison Corneliani che ha presentato blazer di pelle leggera come seta, Zegna un meraviglioso trionfo di seta stampata e colori, Jil Sander, austera e intellettuale, tornata dopo anni a disegnare la linea che porta il suo nome. Molto applaudito lo stile sporty-chic di Burberry Prorsum, mentre Ennio Capasa per Costume National lancia il New Wave Safari ricordando David Bowie negli anni Ottanta quando conobbe la splendida moglie Iman. Donatella Versace ha mandato in passerella i suoi gladiatori glam rock con stampe floreali, greche dorate e meduse. Frankie Morello si diverte con i suoi “teppisti” stile Harlem pieni di catene d’oro, mentre Carlo Pignatelli presenta preziosi modelli da cerimonia.

Molto divertente la sfilata di Dolce & Gabbana, come sempre molto folcloristica: tutti i modelli sono siciliani. Il più piccolo ha 12 anni, il più grande ne ha 42. Gente vera, anche pescatori, studenti, muratori, contadini, e moda vera disegnata sulla loro silhouette, tra coppole, calzoni a vita alta e camicie con pupi siciliani stampati. Una sfilata davvero speciale con “Ciuri, ciuri…” come sottofondo musicale e set di fichi d’india! Una prima giornata molto intensa seguita da un’altra non meno interessante, sempre organizzata dalla Camera Nazionale della Moda Italiana (Cnmi) che ha visto ieri sfilare Bottega Veneta con i suoi “Robin Hood” sportwear nella foresta di Sherwood, seguita da Ermanno Scervino, Dirk Bikkembergs, Salvatore Ferragamo con completi pop e tanto color blocking, Rocco Barocco, Calvin Klein Collection, Vivienne Westwood, Daks, Trussardi (nel parterre anche Michelle Hunziker), Prada (grafismi lineari), Moncler Gamme Bleu e Roberto Cavalli, molto glam rock con tanto blue elettrico.

Oggi Emporio Armani aprirà la terza giornata, seguito da Icerberg, John Richmond, Gucci (tanto velluto), Etro, Z Zegna, Canali, Umit Benan, Moschino (ironico e pop), Missoni e infine Fendi. A chiudere domani la kermesse Dsquared2, Giorgio Armani, Diesel Black Gold, Ports 1961 ed infine Enrico Coveri. Tra i grandi ritorni, oltre a Jil Sander, Daks, Fendi, Belstaff e Pal Zileri: davvero una settimana della moda eccezionale che ha portato a Milano novemila addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo e tantissima stampa internazionale, anche molto prestigiosa e importante. Milano è tornata ai grandi fasti di un tempo?