150 anni di alta moda in Italia con Franca Sozzani e Cristina Chiabotto

di Paola Perfetti Commenta

Il Comitato Italia 150 ha presentato “Esperienza Italia”, il grande appuntamento dedicato all’Italia e alle sue eccellenze che celebrerà il 150° anniversario dell’Unità del Paese; il lancio del progetto é avvenuto la scorsa settimana alla presenza di un parterre d’eccezione di esperti di storia, arte, moda, e spettacolo.

Sono davero molti gli eventi in programma per l’importante anniversario: tra mostre e belle manifestazioni, non manca l’appuntamento con la moda, quella che a sua volta ha fatto grande l’Ialia, e che viene ripercorsa dalla mostra-eventoL’Italia si specchia. 150 anni di alta moda dall’Unità ad oggi” alla cui presentazione hanno presenziato anche una delle curatrici, la direttrice di Vogue Italia Franca Sozzani, e la stellina del piccolo schermo Chiara Chiabotto.

“L’Italia si specchia. 150 anni di alta moda dall’Unità ad oggi”

E’ la mostra in programma da 10 luglio all’ 11 dicembre 2011, presso la magnifica location delle Sale delle Arti della Reggia di Venaria, ex Palazzo Reale del nostro Regno Italico. Curatrici della mostra sono Gabriella Pescucci, Premio Oscar 1994 a cui é stata affidata la parte storica di questa “ricostruzione di Italia attraverso la moda”, e Franca Sozzani, che come ha avuto modo di raccontare in questa videointervista si é occupata della sezione contemporanea.

Quello previsto per la prossima estate é un viaggio nella storia dell’alta moda e dello stile italiano dall’Unità ad oggi, dagli abiti della nobiltà ottocentesca, alle creazioni dei grandi stilisti contemporanei, con uno sguardo finale rivolto al futuro ed un nucleo principale caratterizzato dalla prestigiosa collezione della Sartoria teatrale Tirelli.

Il senso dell’evento espositivo viene raccontato dai medesimi organizzatori e dal Coordinamento storico-scientifico diretto da Clara Goria, Andrea Merlotti, con Sergio Toffetti:

“Durante il Regno (1861-1946) la moda italiana non si configurò come un carattere identitario nazionale né come fattore produttivo di rilevanza. Ciò nonostante, diversi furono i tentativi di gettare le basi per una moda italiana: da quelli promossi dalla regina Margherita ai progetti dei Futuristi fino ai tentativi autarchici del Fascismo.

L’avvento della Repubblica (1946) corrispose, invece, alla nascita ed all’affermarsi di un’alta moda italiana. Essa fu scelta consapevolmente come elemento di rilancio e riscatto dell’Italia dopo la sconfitta nella seconda guerra mondiale. La fortuna di questa decisione, tale da generare negli anni Ottanta il
fenomeno dell’Italian style e del cosiddetto Made in Italy, ha modificato fortemente l’immagine dell’Italia all’estero e ha reso la moda uno dei principali comparti dell’economia italiana.

Al fine di raccontare in modo chiaro e comprensibile al grande pubblico la storia sopra presentata e di consentirne una rapida contestualizzazione,
l’allestimento ricorrerà ad un insieme di apparati visivi e sonori in costante dialogo con gli abiti esposti.”

Ma nel progetto “Esperienza Italia” c’è anche molto altro: nei nove mesi di Esperienza Italia, a Torino e in Piemonte va in scena un cartellone unico e prestigioso di eventi culturali fra spettacoli teatrali, opere, concerti di musica classica e contemporanea, festival, rassegne cinematografiche, mostre e convegni ed eventi sportivi di grande popolarità e prestigio (dalla partenza del Giro d’Italia ai Campionati europei di tuffi, la Coppa del mondo di fioretto femminile, i Campionati del mondo di tiro con l’arco e i Campionati Nazionali Universitari Estivi).

Le grandi mostre di “Esperienza Italia”

  • “La bella Italia. Arte e identità delle città capitali

Dal 17 marzo all’11 settembre 2011, La Venaria Reale. Presidente del comitato curatoriale: Antonio Paolucci
Oltre 300 capolavori tracciano un percorso che va dall’Antichità alla vigilia del 1861 attraverso le capitali preunitarie: Torino, Firenze, Roma e poi Milano, Venezia, Genova, Bologna, Napoli e Palermo.

  • “L’Italia si specchia. 150 anni di alta moda dall’Unità ad oggi”

Dal 10 luglio all’ 11 dicembre 2011, La Venaria Reale. Curatrici: Gabriella Pescucci e Franca Sozzani
Un viaggio nella storia dell’alta moda e dello stile italiano dall’Unità ad oggi, dagli abiti della nobiltà ottocentesca, alle creazioni dei grandi stilisti contemporanei.

  • “Fare gli Italiani. 150 anni di storia nazionale”

Dal 17 marzo al 20 novembre 2011, Officine Grandi Riparazioni. Curatori: Walter Barberis e Giovanni De Luna
La mostra racconta la storia dell’Italia dall’Unità nazionale a oggi: non una successione di avvenimenti, ma una storia di persone. I protagonisti sono gli Italiani

  • “Stazione Futuro: Qui si rifà l’Italia”

Dal 17 marzo al 20 novembre 2011, Officine Grandi Riparazioni. Curatore: Riccardo Luna
La mostra è un viaggio, che inizia nel presente e che conduce verso l’Italia di domani presentata sotto forma di idee, processi e prodotti che faranno parte della vita di tutti noi, cittadini del futuro.

  • “Il futuro nelle mani. Artieri domani”

Dal 17 marzo al 20 novembre 2011, Officine Grandi Riparazioni. Curatore: Enzo Biffi Gentili
L’ affermazione della necessità di un nuovo, e diverso, lavoro “fatto ad arte”, insieme hand made e mind made, è un indubbio “primato degli italiani” nel XXI secolo

  • Leonardo. Dal genio al mito

Dal 21 ottobre 2011 all’ 8 gennaio 2012, La Venaria Reale, Il più grande italiano di tutti i tempi protagonista di una mostra unica. Nella Scuderia Grande della Reggia di Venaria, la mostra espone uno dei capolavori delle collezioni sabaude: l’Autoritratto di Leonardo.

  • I Giardini e il nuovo Potager Royal. Giardini, orti e tavole reali

Dal 15 aprile 2011, La Venaria Reale
Orti e frutteti straordinari dove scoprire l’arte del paesaggio e i sapori d’Italia. Negli splendidi Giardini della Reggia apre nel 2011 il Potager Royal: 10 ettari di orti e frutteti coltivati con migliaia di ortaggi e cereali tipici del territorio.

Tutte le informazioni sul programma 2011 della Reggia di Venaria su: www.italia150.it e www.lavenariareale.it.

Rispondi