New York Fashion Week 2011: Oscar de la Renta

di Federica Perrozziello Commenta

Oscar de la Renta ha stregato il suo pubblico newyorkese con uno show assolutamente unico, portando i fortunati,  più che sulla sua passerella, su un tappeto magico in viaggio verso l’ incantevole e  antica Via della Seta, in una collezione che celebra l’abilità e la maestria, ormai nota, con cui si distingue da sempre il suo brand,  nel ricamo di perline o di disegni tradizionali, che si riallacciano al Nord Africa, ai vecchi imperi delle dinastie cinesi, in un tripudio di colori dall’accento esotico e dalla perfetta manifattura. La sua ispirazione viene da culture lontane, come i popoli esistiti sulle montagne del Medio Atlante, le tradizioni della vecchia India tradizionale, le tribù della Mongolia e della Cina settentrionale, ed i suoi colori  scintillanti sono la giusta conclusione di un attentissimo studio dei gioielli prodotti da queste incredibili civiltà, cercando di compiere con la sua collezione un piccolo e affettuoso omaggio alla storia e alle tradizioni di questi popoli.

I colori, infatti, come una serie di fuochi d’artificio sono esplosi sulla passerella, inondandola di una forte e assoluta energia da lasciare il pubblico e la critica a bocca aperta. I modelli, quasi nascosti sotto colbacchi in pellicce di volpe, sono stati decorati con motivi floreali metallici e dorati sia per le giacche che per gli abiti. Giacche in stile ottomano ricamate con brodo dorato sfilano abbinate a gonne di volpe rossa. Cappotti di Alpaca sono stati realizzati in nero e avorio con l’aggiunta di scintillanti paillettes che li rendono unici e assolutamente carichi di luce ed eleganza.

Piume di struzzo, tacchi metallizzati, stivaletti ricamati, gonne in pelliccia, ricami su tailleur e abiti con un taglio orientale retrò, sono solo alcuni dei pezzi stravaganti e sfarzosi della sua collezione a/i 2011 2012, regalando alla donna una possibilità di vestire in modo eccellente, assolutamente chic e glamour, senza passare mai inosservata, sognando ad occhi aperti terre lontane indossando questi grandi preziosi pezzi di alta moda. Così lo stilista, ancora una volta, è riuscito a dimostrare che è possibile fare moda, con un mix di materiali che derivano dalla storia e dalla tradizione culturale dei popoli, senza risultare ridondanti o oltraggiosi, per un risultato di alta moda eccellente e unico, che si distingue nettamente da tutte le proposte sin ora giuste nella Grande Mela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>