Il concept store L’Inde le Palais festeggia 10 anni con la mostra del fotografo Eugenio Recuenco

di Redazione Commenta

Spread the love

L’Inde Le Palais, il concept store di via dei Musei 6 a Bologna, festeggia 10 anni.

Per questo importante compleanno la location dedicata all’Arte a 360 gradi inaugura una serie di attività, installazioni ed esposizioni celebrative dell’eclettico e controverso fotografo spagnolo Eugenio Recuenco, colui che ha saputo incantare il mondo della moda e della pubblicità.

L’appuntamento è per giovedì 7 aprile in occasione dei giorni di Bologna Leather Days, “i giorni dell’alta pelletteria” che rientrano nell’ambito delle manifestazioni internazionali di Lineapelle (6-7-8- aprile).

Per l’occasione, questo esclusivo opening sarà uno degli intriganti “appuntamenti i città” nonché un’opportunità in più per ammirare da vicino le cupe, ironiche, spesso provocatorie opere dell’artista amato dai grandi brand, tutto all’interno di un prestigioso concept store che, a sua volta,  non è solo amato e conosciuto in quanto ottimo ospite delle maggiori maison della moda nella città felsinea– brand del calibro di Celine, Givenchy, Valentino, Lanvin – ma è anche uno store sempre pronto ad offrire uno sguardo privilegiato e attento ai nuovi designer internazionali, da Gareth Pugh, a Rick Owens fino a Mark Fast.

L’opening de L’Inde le Palais

Al concept store L’Inde Le Palais di via dei Musei 6, a partire dalle ore 18.30 di giovedì 7 aprile 2011, giornalisti, curiosi ed amici potranno scambiare quattro chiacchiere con Eugenio Recuenco ed ammirare l’ inedito percorso espositivo allestito nel concept store, una esposizione-evento che spazia dall’abbigliamento al design, dall’arredamento di interni alle essenze più esclusive all’interno di un luogo ritenuto ideale per il più sofisticato shopping di lusso e per gli amanti dell’arte.

Eugenio Recuenco, fotografo intrigante

E’ considerato uno dei maggiori creativi di Spagna, già famoso in tutti il mondo per le sue collaborazioni con l’alta moda fra magazine, brand e Vip del calibro di Vogue, Yves Saint Laurent, Nina Ricci, Rochas. Ma non solo: ad averlo scelto sono state anche le maggiori aziende del lifestyle – come Lavazza, Swarowsky, Sony – e le più importanti agenzie pubblicitarie e testate giornalistiche – vi cito giusto i nomi di Armando Testa, e poi Le Monde e Magnum.

Ma che cosa rende così unico il lavoro di Eugenio Recuenco? Il suo è uno stile “pittorico e visionario”, un modus operandi che è frutto di una profonda conoscenza dell’arte fotografica: fish-eye, bianco e nero, fotomanipolazione, solarizzazione, pellicole Polaroid, still-life e video vengono da lui mixate in modo audace con il risultato di lavori in cui le scene sono immagini dal grande impatto evocativo capaci

“di far emergere le ombre dell’anima attraverso piccoli particolari, sguardi e messe in scena eccentriche, a volte fiabesche”

ha detto la critica. Per queste sue peculiarità e per questo suo approccio innovativo Eugenio Recuenco
è stato scelto quale pittore della filosofia e dell’estetica de L’Inde Le Palais.

L’Inde Le Palais, Bologna: concept store rivoluzionario

Nato 10 anni fa, se alle origini era considerato come uno store rivoluzionario oggi si impone in modo ancora più forte quale trendsetter e punto di riferimento privilegiato per la ricerca di nuovi gusti e tendenze, nella moda ma anche nell’arte.

Si tratta dell’artefice di un progetto d’Arte inteso in tutte le sue forme al punto da essere già stato scelto da altri grandi dell’Arte a 360 gradi per dare espressione ai loro lavori, come Terry Richardson che  nel 2004 volle proprio L’Inde Le Palais per l’anteprima europea del suo libro-scandalo “Kibosh”; ma poi venero anche Galliano, Valentino, o recentemente il giovane designer David Koma, star della moda inglese e artista contemporaneo. E come potremmo dare loro torto con una location così?

A questo non possiamo non dire: Buon compleanno L’Inde Le Palais!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>