Diventare modella: Officina Moda e Dintorni avvia un corso etico alla professione di indossatrice

di Paola Perfetti Commenta

Come si fa a rendere il sogno di diventare modella una felice realtà per tante ragazze? Ce lo ha spiegato “Offina Moda e Dintorni” durante l’evento aperto alla stampa dello scorso martedì 14 dicembre 2010.

Si tratta di un Progetto di formazione per modelle “Officina Moda e Dintorni” patrocinato dal Comune di Roma – Commissione Turismo e Moda che sì è svolto nella suggestiva cornice romana dell’Aranciera di San Sisto Via di valle delle Camene 11 (Zona Terme di Caracalla). Per l’occasione, dopo un speech di presentazione, la location ha accolto la sfilata di Luigi Bruno Haute Couture, una colazione di degustazione con prodotti tipici romani e vini Friulani d’eccellenza e buffet e persino il casting del secondo gruppo di modelle per “Officina Dintorni”. Ma di cosa si tratta?

Che cos’è “Officina Moda e Dintorni”

Si tratta di un percorso formativo per aspiranti modelle e fotomodelle con caratteristiche assolutamente innovative, sia dal punto di vista didattico che dal punto di vista organizzativo. La sua ideatrice è Tiziana Sirna, che da anni lavora nell’organizzazione di eventi e di sfilate di moda: dopo aver iniziato a lavorare giovanissima come modella e figurante televisiva, Tiziana ha avviato una lunga e dura “gavetta” nelle migliori Agenzie di management per lo spettacolo e la moda. Negli ultimi anni, però, ha deciso di mettersi in proprio occupandosi di eventi legati al marketing aziendale. Da qui alla nascita del progetto “Officina Moda e Dintorni” il passo è stato breve.

Strenua sostenitrice di un atteggiamento “compromessi zero”, con il suo coinvolgente entusiasmo Tiziana Sirna ha raggruppato attorno al suo manifesto etico un folto gruppo di professionisti affermati del mondo della moda come fotografi, hair stylists, make-up artists, top-model ed agenti, ma anche professionisti dello spettacolo, Tv cinema e musica: in pratica li ha chiamati a collaborare con lei per un progetto che si basasse sull’idea che

“la rappresentazione della Moda non è un mondo a sé stante, legato solo al mercato specifico, ma una delle tante sfere dello Spettacolo, interagente e sinergica con esse, da qui i “Dintorni” con cui la Moda si “contamina” , a tutto vantaggio della fruizione da parte del pubblico.”

Se Officina della Moda è dunque un invito alla moda da vivere in modo “etico”, nei suoi “Dintorni” gioca un ruolo chiave anche il valore della “compatibilità” della professione di indossatrice/modella con la Salute, sia fisica che mentale, delle adolescenti che decidono di intraprendere questa carriera.

“La carriera di modella si avvia in un’età in cui le sollecitazioni esterne ed i modelli fuorvianti possono influenzare fortemente lo sviluppo. Officina Moda, partecipa quindi alla lotta contro i problemi creati dai disturbi alimentari, promuovendo la consapevolezza e l’accettazione del sé e la valorizzazione in senso professionale dei propri pregi e “difetti” fisici.”

ha spiegato Tiziana Sirna in conferenza stampa

Le modelle di “Officina Moda e Dintorni”: nutrizione e partner

Le modelle che entrano a far parte del progetto sono quindi degli esempi in salute di taglie normali ma eleganti che vanno dalla 38 alla 46.
Tra le materie di studio a loro disposizione ci sono infatti le indicazioni per una sana alimentazione e per una attività fisica adeguata a questo lavoro, una professione in cui il corpo è uno degli strumenti più importanti.

Primo fra tutti a credere nel progetto di Tiziana Sirna è stato lo stilista Luigi Bruno, imprenditore che produce da sè le proprie collezioni. Luigi Bruno ha deciso di investire in questo progetto formativo, finanziando le spese e partecipando a tutte le fasi di stage delle aspiranti modelle, fino a creare degli abiti apposta per loro.

Nel progetto e madrina dell’evento anche Naike Rivelli: ha seguito passo dopo passo la crescita delle ragazze, e, in occasione della produzione del suo primo Videoclip musicale, ne ha selezionate alcune per le figurazioni e per seguirla nella fase di promozione.

Gli obiettivi e il corso di “Officina Moda e Dintorni”

Obiettivo primario del progetto è riuscire a formare e ad avviare alla professione di modella 200 ragazze tra i 14 e i 25 anni, delle quali 60 saranno selezionate su Roma e le altre in tutta Italia. Accordi sono già in corso per la Sicilia, la Campania e la Toscana. La formazione per le ragazze è assolutamente gratuita, essendo tutti i costi assorbiti dagli Sponsor del progetto. Il programma didattico è composto da una fase formativa in aula (portamento, comunicazione, posa fotografica, trucco, bon ton e regole etiche della professione, recitazione), da incontri di tipo seminariale con specialisti di psicologia, nutrizionisti, personal triner, ed altri professionisti affermati del settore, e da una contemporanea attività di stage molto intensa. In questo percorso formativo, precorrendo forse le linee guida innovative della formazione professionale europea degli ultimi tempi, la fase di stage è notevolmente più importante della formazione passiva.

Le ragazze si trovano in situazioni reali di sfilata di moda, a diretto contatto con i professionisti che lavorano attorno ad esse, truccatrici, parrucchieri, fotografi, coreografi, e, ovviamente stilisti e sarte, apprendendo da ognuno di essi tecniche e procedure di lavoro. Lo stesso avviene per gli stage in ambito fotografico. La migliore scuola per una fotomodella è quella di lavorare con fotografi diversi, in situazioni diverse e per scopi diversi. E le modelle di Officina Moda, alla fine del loro percorso, ritrovano un bagaglio di immagini, a volte sorprendenti per la loro bellezza anche a giudizio degli “addetti ai lavori”, e che andranno a costituire il loro primo “Book” professionale. Un Book vario e di altissima qualità, difficilmente realizzabile altrimenti in così poco tempo (e senza spendere un soldo), e che diverrà il loro “biglietto da visita” professionale.

Officina Moda, segue le ragazze nel loro percorso di inserimento sul mondo del lavoro, non solo “dopo” il corso, ma anche “durante” la formazione. Infatti la partecipazione ai casting, l’autopresentazione e i rapporti con le agenzie di moda sono parte integrante della formazione e questo efficace sistema di inserimento sul lavoro mediante azioni di tutoraggio è decisamente innovativo per qualunque genere di attività formativa.

La seconda fase del progetto è cominiciata proprio in occasione di questa Conferenza Stampa:

““Officina Moda e Dintorni”, vogliamo sottolinearlo infine, non è solo un’opportunità formativa e di avviamento ad un lavoro serio e gratificante per le giovani coinvolte, ma è anche una occasione di promozione e di visibilità per le Aziende Sponsor, siano esse del settore Moda, e quindi direttamente coinvolte (o come operatori o come potenziali “Clienti”), ma anche per le aziende di ogni genere che possono usufruire della immagine del progetto per la loro partecipazione a Fiere o Mostre, o per i loro Eventi Aziendali.”

hanno detto gli organizzatori.

Officina Moda richiede un rapporto stretto con le Pubbliche Amministrazioni che, sostenendo il manifesto etico del progetto e l’attività di avviamento al lavoro dei giovani, assolvono ad una delle loro funzioni primarie, oltre a poter utilizzare le modelle e lo Staff intero in occasione degli Eventi Istituzionali.

Le testimonianze, in sede di conferenza stampa, dei professionisti che hanno collaborato con Tiziana Sirna e Luigi Bruno in questa sperimentazione, delle mamme delle modelle, degli Sponsor e di tutti i sostenitori del progetto che, ognuno per la sua posizione e le sue prerogative professionali ed istituzionali hanno collaborato al progetto, sono la perfetta rappresentazione dell’ambiente che si è venuto a creare attorno a questa ragazze, la cui voce, infine, renderà perfettamente l’idea di come il loro sogno sia divenuto realizzabile.

Officina Moda e Dintorni

Rispondi