Fiera horror-trash: deformazioni anatomiche made in Photoshop

di Redazione Commenta

La smania dell’apparire belli, bellissimi, perfetti e levigati ha qualche controindicazione non da poco: l’ossessione che ne deriva può portare a diventare simili ad esseri alieni e caricaturali come la Duchessa d’Alba o, senza dover per forza intervenire chirurgicamente sui difetti, può sfociare nel ritocco fotografico selvaggio e sconsiderato.

Gli ultimi esempi in ordine di tempo? L’eroina di Twilight Kristen Stewart, la quasi mamma ex delle Destiny’s child Beyoncé e il cantante dei Maroon 5 Adam Levine. L’aspetto peggiore della questione è che il contesto in cui questi orrori si sono presentati è super-patinato, fashion e glamour, con l’effetto di rendere ancora più agghiaccianti, ridicoli e parossistici gli errori del fotoritocco. Serpeggia una sorta di frenesia irrazionale nel tagliare, letteralmente, pezzi di carne, fianchi e cosce morbide, avambracci un po’ carnosi e polpacci troppo poco magri.

Adam Levine, come nei migliori film horror-splatter, si è visto tranciare di netto il busto negli scatti pubblicati su Vogue Russia: l’amputazione è stata di certo non voluta e sicuramente provocata nel tentativo di alleggerire il polpaccio a dire il vero già abbastanza skinny della fidanzata e modella Anne Vyalitsyna. un Adam deforme e senza più lato sinistro del tronco che ammicca alla camera del fotografo con sguardo sensuale e magnetico che, a questo punto, diventa quantomeno ridicolo.

Stessa sorte per Kristen Stewart sulla copertina di novembre di Glamour America: stessa posa da gattona femme fatale, ma -ohibò- ecco spuntare un avambraccio mozzato causa eccessiva pretenziosità in fatto di volumi sottili e filiformi da parte di un tecnico della post produzione fotografica (probabilmente ormai ex tecnico).

La giunonica e tanto fiera delle proprie forme Beyoncé Knowles acquista gambe innaturalmente perfette e lunghissime, senza un filo di forme o muscoli di sorta sulla cover di Harper’s Bazaar America: il bello è che ad averla fotografata è stato il celeberrimo Terry Richardson, famoso per i suoi scatti realistici e caratterizzati da luci impietose puntate sui volti delle celebs, a rivelarne imperfezioni e difetti. Il paradosso, inoltre, è che risulta notorio a livello planetario il fatto che Beyoncé possieda gambe ben tornite e morbide: noi non ci avevamo mai visto nulla di male, in questo.

Ci stupisce che queste celebrità abbiano così poco senso pratico e si rivelino talmente ingenue: se fotoritocco dev’essere, che almeno sia fatto in modo decente. Deduciamo, dalla carrellata di fails appena viste e che potete ammirare nella gallery sotto, che Adam, Kristen e Beyoncé non abbiano visionato la confezione finale degli shootings. Errore madornale, a quanto pare.

Il consiglio, per le star, è di pretendere la visione del risultato finale, pena ritrovare la propria immagine deformata in freaks sulle copertine di mezzo mondo. Azzardiamo un altro consiglio: abbiate il coraggio di mostrarvi per ciò che siete. Finalmente senza maschere, trucchi e finzioni grossolane.

Ma forse, a chi decide nel fashion business, è davvero troppo chiedere di sostituire alla totale vacuità di forme inconsistenti una netta presa di posizione e di consapevolezza intelligenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>