Giorgio Armani veste Lady Gaga agli VMA Awards

di Paola Perfetti Commenta

Ormai lo sapete: non passa un solo giorno senza che Lady Gaga ne combini una delle sue o che esca qualche notizia a suo riguardo.

Soprattutto se ha a che fare con le sue mìse stravaganti e i look da Red Carpet, che, credo sarete d’accordo con me, sono sempre unici inconfondibili.

Vi ricordate che soli pochi giorni fa vi abbiamo parlato di lei e del suo abbigliamento sfoggiato in occasione degli VMA Awards!? E che allora, su “quella” passerella, l’onore di vestirla era stato tutto della maison Alexander MCQueen!?

Bene,  anche oggi torniamo a parlare di quella serata non per pedanteria, ma per una news che credo proprio vi sorprenderà.

Si perché mica penserete che in quella magica notte, di abiti, la signora Germanotta, ne abbia messo uno soltanto?!

Ma certo che no! Quello nero esibito durante la prima delle otto premiazioni, infatti, non era della maison McQueen, bensì  – udite udite – di uno stilista tutto made in Italy come il mitico Re Giorgio.

Avete capito bene: un Giorgio Armani é quello disegnato in questa immagine di copertina, ma ce ne sono altre!
Come ben saprete, infatti, non è la prima volta che Giorgio Armani sceglie di collaborare con Lady Gaga.

Questa volta, però, il brand ha voluto creato due vestiti per colpire esclusivamente questa artista eccezionale ed il suo pubblico di numerosi fans.

Il primo dei due capi è un abito- bustier con tanto di copricapo a punta uguale al copri-seno, un autentico inno allo stile fetish. A dir poco incredibile!

Il secondo, invece, è un tailleur pantalone in vinile nero con una giacca a punta – ancora una volta.

Questi due look devono avere portato una gran fortuna a Lady Gaga visti i ben 8 premi su 13 che si é portata a casa: che Re Giorgio abbia avuto una influenza stra positiva sulla nuova diva pop e che, oltre ad essere un genio del fashion, porti pure un gran bene?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>