Hummel al 79° Pitti Immagine Uomo: la storia e il concept

di Redazione Commenta

Anche Hummel sarà presente al 79° Pitti Immagine Uomo, dall’11 al 14 gennaio 2011 presso la Fortezza da Basso a Firenze. Noi di Modalizer vi abbiamo parlato di questo brand a proposito dei look per le Feste 2010 da sfoggiare sotto Natale, eppure c’è molto di più, anzi, ci sono molte buone nuove che stanno per arrivare allo stand numero 13 del Pitti fiorentino.

Hummel sarà presso la Sala della Guardia con tutte le sue ultime creazioni per la moda uomo della prossima stagione: prima di conoscerle, però, scopriamo insieme la storia del marchio Hummel!

Hummel: le origini, la storia

La storia di Hummel inizia nel 1919 ad Hamburg. In quegli anni le scarpe vengono realizzate in un laboratorio dove i fratelli Michael e Albrech Ludwig Messmer fondano la società Messmer & co, una compagnia che realizza artigianalmente le migliori suole di gomma per scarponi esistenti sul mercato. Solo 4 anni dopo, nel 1923, il nome Hummel viene usato per la prima volta con la conversione della produzione verso il mondo dello sport, ovvero quando la famiglia Messmer inizia la produzione di scarpe da calcio, atletica, ciclismo e palla a mano e subito i prodotti Hummel si distinguono per l’alta qualità e l’avanguardia delle sue soluzioni.

Hummel, il successo di un brand contemporaneo

Il boom economico aiuta e sostiene la crescita imprenditoriale: Hummel accetta la sfida e la sua produzione acquista la dimensione e i processi della grande industria senza rinunciare però alla qualità dei prodotti. Nel 1969 viene creato e associato al nome Hummel il “Bumblebee” logo che resterà legato al marchio dando un tocco distintivo ed invariato all’azienda fino ai giorni nostri. Gli anni ’70 segnano l’esplosione dello sport professionistico e lo sviluppo di una nuova concezione di marketing sportivo che si traduce nell’ ingaggio di grandi campioni come testimonial: Hummel vive da protagonista questa svolta epocale puntando sulla tecnicità dei prodotti per soddisfare le esigenze degli atleti e per spingere la progettazione delle calzature verso la modernità ed il comfort.

Hummel e lo sport

Alla produzione di calzature si affianca la produzione di abbigliamento tecnico e ben presto, il marchio Hummel è leader di mercato nel calcio ed inizia la sponsorizzazione di campioni tra i  quali la Squadra Nazionale tedesca di calcio. Lo sport diventa fenomeno di costume e i prodotti Hummel sconfinano dalla pratica agonistica al tempo libero. L’effetto traino del fenomeno sponsorizzazioni è imponente: a metà degli anni ’80 i prodotti Hummel superano tutte le aspettative di vendita tanto da aprire numerosi punti vendita nei Paesi di tutta Europa.

Le vittorie dei testimonial alimentano il prestigio di Hummel che in tutto il mondo è ormai sinonimo di successo, stile, ed eccellenza tecnica. Nel 1974 Hummel dovrà spartire con Adidas il dritto di vestire la squadra nazionale tedesca di palla a mano. Le due grosse realtà sportive avranno strade diverse ma altrettanto importanti. Lo stesso anno, Jorgen Vodsgaard e Max Nielsen fondano la VN Sport Aps, una azienda che produce e distribuisce i prodotti Hummel con sede in Danimarca. Negli anni ‘80 la presenza dell’azienda si rafforza nelle discipline “storiche” come palla a mano e calcio e si espande ad altri sport come ciclismo, pallavolo, atletica e le sponsorizzazioni si estendono ad altre squadre di rilevanza strategica e sportiva tra le quali si annovera la Danimarca. L’accordo prevede una fornitura di capi di abbigliamento e calzature per tutte le squadre nazionali danesi di pallamano.

Hummel conquista il mondo

Il marchio Hummel è conosciuto in tutta Europa e comincia a farsi conoscere anche oltre Oceano: la produzione deve essere massificata e raffinata per far fronte a tutte le richieste di vendita e di sponsorizzazione, per questo motivo Jorgen Vodsgaard insieme ad alcuni business partner ne acquisteranno i diritti in toto. Nel 1980 Hummel diventa danese al 100%.

Il concept Hummel

Weakness of attitude is weakness of character”: Albert Einstein.

– è con questo motto che Hummel fonda la sua filosofia su valori e principi che caratterizzano la storia del marchio fin dalla sua nascita. Sono poche le regole ma tutte di fondamentale importanza per l’ azienda e per i suoi componenti:

  • Il carattere. Il carattere contraddistingue non solo gli atleti che Hummel decide di sponsorizzare ma anche ogni singolo prodotto realizzato.
  • Heritage. Essendo uno dei pochi brand se non l’unico, che esiste dal 1923, la storicità, l’artigianalità, la cura del dettaglio sono caratteristiche dello spirito di Hummel che traspare da tutti i prodotti sportivi tecnici e in quelli di fashion.
  • Sports: Da oltre 100 anni lo sport è la parte fondamentale e integrante di Hummel, i principi, le regole sono l’anima che si manifesta in tutta la gamma delle collezioni.
  • Danishness: Hummel è danese al 100%, questa peculiarità si vede nei valori quali: l’amore per il design, per la libertà di espressione, il rispetto dei diritti umani, l’uguaglianza di tutti gli esseri umani.
  • Hummel è anche Karma Company. Una realtà che si fonda sui sani principi dell’ energia positiva. La filosofia è quella di voler dare alla gente qualcosa che lasci il segno, qualcosa che resti impresso, qualcosa di straordinario in questo mondo ostile. Trasmettere agli altri quello in cui si crede, per questo Karma Company porta avanti una serie di progetti per i quali sono realizzati prodotti ad hoc per Danish Heart Foundation ( per un cuore sano sempre al posto giusto), Sierra Leone National Team (a favore della libertà di espressione in uno stato devastato dalla guerra civile), Save the children ( a sostegno dei bambini malati di HIV in Africa), World Wildlife Foundation (per un pianeta migliore e più pulito), Homeless World Cup ( sponsorizzazione della 5 edizione della Football Homeless World a Copenaghen).

Head Office: hummel International Sport & Leisure A/S

Kraftcentralen
Sønderhøj 10
DK-8260 Viby J, Aarhus
Denmark

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>