Il futurismo dei gioielli di Giia

di Redazione Commenta

Direttamente dal quadrlatero della moda, arriva una sorprendente novità, che potrebbe soddisfare gli animi più creativi e stravaganti, tra le giovani donne metropolitane e non, che ormai non si accontentano più dei soliti, classici e tradizionali accessori. Dal fascino contemporaneo, di una moda quadi spaziale e futuristica, questi pezzi di fashion design sono a mio avviso tutti da collezionare.

Con sapiente maestria, elaborati a mano, e caratteristici nella loro essenza descrivono perfettamente l’ecletticità dell’autrice. La designer che sta dietro a queste creazioni, si chiama Güldal Aydinli, ormai milanese di adozione. Crea gioielli assolutamente fuori dagli schemi, bracciali, spille, e scialli del tutto avvenieristici utilizzando materiali semplici e facilmente reperibili come feltro, pietre dure, borchie e tessuti di passamaneria, creando un mix di elementi riuscendo in un risultato davvero sorprendente. Il suo background si forma alla Domus Accademy di Milano, seguendo un corso di laurea in Architettura degli Interni e mobili di design. Ha aperto uno studio a Cipro e poi è tornato a Milano, lavorando come designer freelance concentrandosi su progetti di Interior e Product Design.

Nel 2009 apre il suo brand Giia, specializzato in gioielli ed accessori da donna, progetto che quest’anno sta risquotendo un grandissimo successo elogiato da molti magazine di moda, come Elle nella sezione accessori di design. La sua personalità così variegata si riflette a pieno nelle sue creazioni, che sono progettate sfruttando forme geometriche, ispirandosi a costruizioni architettoniche e composizioni di forme libere. I risultati sono unici e ricercati che possono abbeliire e caratterizzare qualsiasi tipo di abbigliamento, rendendo il proprio look fuori dagli schemi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>