Maria Grazia Chiuri, un’italiana alla guida della maison Dior

di federica guarneri Commenta

Una donna italiana alla guida di una maison francese. Dopo i numerosi gossip e rumors apparsi su alcuni siti specializzati nel settore moda, prende adesso sempre più corpo la notizia che vede Maria Grazia Chiuri, 53 anni, come nuova guida della maison Dior.

La maison Valentino, che vede attualmente la Chiuri a capo del settore creativo insieme a Pierpaolo Piccioli, ha rilasciato un comunicato chiedendo soltanto di non interferire col lavoro dei due creativi, attualmente impegnati nella sfilata di haute couture a Parigi. Per quanto riguarda Dior, invece, si dice che al termine della quattro giorni dedicata all’haute couture, dal 3 al 7 luglio, ci sarà l’annuncio effettivo della nuova direzione. Questa notizia, comunque, è da scoprire con grande interesse e attenzione soprattutto perché Maria Grazia Chiuri sarebbe la prima donna dall’epoca della fondazione di Dior a prendere le redini del brand. Fino a oggi, infatti, alla guida stilistica del marchio si sono contati solamente uomini, da Yves Saint Laurent a Marc Bohan, da Gianfranco Ferré a John Galliano fino a Raf Simons. Un altro fattore che ci riempie di orgoglio è la nomina di un’italiana alla guida di Dior. Questo vuole confermare la rinascita della creatività Made in Italy a tutti i livelli, soprattutto adesso che Dior sta attraversando un momento difficile in quanto la mancanza di una vera guida creativa ha indebolito immagine e prodotti.

Per la Chiuri si prospetta un cammino tortuoso e complicato sotto il profilo della burocrazia, ma incredibilmente promettente sotto quello dello stile. Maria Grazia, infatti, insieme a Pierpaolo Piccioli è riuscita a dare smalto e grandezza alla maison Valentino, facendo triplicare il fatturato in soli 8 anni fino a raggiungere la soglia del miliardo di euro.

Photo Credits | Facebook Dior

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>