Milano Fashion Week 2012: le sfilate più belle della quinta giornata

di Lorena Scopelliti Commenta

Milano Fashion week 2012 ci diverte, a volte riesce a sorprenderci: abbiamo visto la svolta di Prada con i suoi volumi insoliti e un’attitudine strutturalista, la donna dark dalla pelle lunare di Gucci, l’aristo-chic di Jil Sander, il soldato sexy di Max Mara e la femminilità con scarpe rasoterra di Emporio Armani. Nella giornata di domenica 25 febbraio le passerelle hanno visto protagonisti altri grandi nomi della moda italiana e internazionale come Marni, Trussardi, Missoni, Byblos, Dolce & Gabbana, Frankie Morello e Salvatore Ferragamo.

Dolce & Gabbana stupiscono un’ammirata platea con un ritorno alle origini, alla cara e dolce Sicilia, terra natia che da sempre li ha ispirati per i colori e lo spirito nelle collezioni: il pizzo acquista una nuova dimensionalità grazie ai ricami eccellenti e alle decorazioni floreali, all’insinuazione frequente del tanto amato color oro barocco che impreziosisce il nero di boleri, giacche e piccole cappe che sono un vero e proprio capolavoro sartoriale. A questa ricchezza di costruzioni nella parte superiore del corpo corrisponde spesso una quasi nudità in quella inferiore, con shorts a gamba alta che imitano la lingerie creando un contrasto deciso di volumi. Sulla seta, il raso e il taffetà non viene risparmiato quasi nessun centimetro e le decorazioni riempiono tutto. Di converso le linee di abiti, camicie e capospalla sono quanto di più puro e spoglio di inutili ornamenti si possa immaginare.

Da Marni, che ha già stupito disegnando una bellissima e versatile collezione per H&m puntando sul colore, i contrasti e i volumi cascanti, l’immagine della donna autunno/inverno 2012-2013 che emerge è urban sophisticated. Abiti costruiti su geometrie nette o su volumi densi, grande fluidità nei tessuti e contrasti cromatici di eccezionale impatto visivo caratterizzano la sfilata. Consuelo Castiglioni ci ha immaginato ordinate nella struttura e divertenti nella scelta cromatica, giocando sul bianco latte abbinato al rosso e sulle dicotomie spiazzanti. Splendidi i completi con pantaloni che si fermano alla caviglia, con decorazioni dorate e scolli impreziositi da decori gioiello.

Per Trussardi la donna torna ad essere rigorosa come abbiamo visto in MaxMara: make up e acconciatura maschili, visi naturali e outfits che ricordano il mood militare nelle abbottonature, nelle spalle e nelle cinture strette in vita su giacche in lana. Le gonne fluide e più lunghe davanti si portano in modo inusuale con pantaloni a sigaretta che arrivanno appena alla caviglia e presentano un risvolto sul fondo. Giacche sfoderate in pelle o suede in nuance tabacco abbinate a cappelli a in feltro a falda larga, per un risultato in bilico tra bon ton e wilde. Colori neutri e rassicuranti: nero, bianco, ecrù, cioccolato e grigio ghiaccio, ma anche un arancio bruciato che ricorda molto il Tangerine Tango eletto da Pantone colore del 2012. Le borse sono ampie, comode e pratiche; compaiono anche le travel bag a contenere l’occorrente per questa donna dinamica, a tratti maschile, sempre in movimento e poco incline alle frivolezze.

Photo Credit| Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>