Olimpiadi Londra 2012: Adidas lancia il progetto Miadidas Customisers

di Sandra Rondini Commenta

Per celebrare con grande creatività le Olimpiadi di Londra 2012, Adidas ha lanciato il contest “Miadidas Customisers”, un progetto artistico in progress in questi giorni per realizzare scarpe personalizzate che rappresentino l’unicità dell’esperienza dei Giochi, sia per chi li guarda che per chi li vive in prima persona in gara. A partecipare al progetto sono gli artisti più appassionati di sport e avanguardia, gli atleti stessi e persino i fan provenienti da tutto il mondo.

In 17 giorni di Giochi, ci sono 9 artisti e finora 34 opere d’arte prodotte. Ogni giorno dei Giochi Olimpici di Londra 2012, dal vivo dalla Lounge Olimpica di Adidas, due artisti, selezionati da una lista di nove artisti, stanno personalizzando le scarpe da gara di atleti olimpici in gara, ispirati dalla vittoria del giorno o dal momento. Una scarpa viene regalata all’atleta scelto quel giorno perché la conservi come un trofeo unico e personalizzato in ricordo dell’avventura olimpica, mentre l’altra scarpa viene donata online per ispirare la futura generazione di potenziali atleti olimpici Adidas.

Partecipano all’iniziativa artisti importanti come il personalizzatore di scarpe Nash Money, i famosi designer di accessori e cappelli Fred Butler e Nasir Mazhar, lo streetwear Kara Messina e l’artista di strada Dr Noki. D’altronde nessuna città come Londra si presta bene alle sperimentazioni artistiche grazie alla sua mentalità aperta e sempre pronta ad accogliere le nuove avanguardie dell’arte e dello street.

Per Adidas creare queste scarpe che sono una sorta di opera d’arte in quanto unica e irripetibile è un’esperienza avvincente, oltre che una sfida perché avviene in tempo reale, sotto gli occhi della gente che osserva ammirata la destrezza e creatività degli artisti selezionati per il progetto. Queste scarpe sono speciali perché catturano un momento storico, sono fatte per durare e per ricordare il giorno in cui sono state realizzate. Per essere tra i fortunati vincitori dell’altra scarpa non donata all’atleta di turno basta andare sulla pagina Facebook di Adidas e sperare di avere fortuna.

Rispondi