Piazza Sempione e la moda sostebibile

di Giulia Ferri 1

Non è una formula magica che determina la crescita e lo sviluppo di un marchio in tempi difficilissimi come questi, ma riuscre a realizzare uno scarto, dare cioè un’impronta personale non solo al prodotto ma anche ai servizi.

E il paradigma cade su Piazza Sempione, un marchio di moda che s’ispira al modello di sostenibilità economica unita a un servizio sartoriale.

Piazza Sempione è una realtà industriale con una filosofia di sviluppo che non parte dai volumi di vendita, ma dalla qualità del prodotto offerta sul mercato.

Ma è il rapporto qualità/prezzo ad essere il caposaldo ragion per cui tutto è mirato a trovare una certa corrispondenza tra marketing e risorse finanziarie.

E’ per questo motivo che l’area commerciale di Piazza Sempione attende ancora circa un’apertura a New York, i prezzi troppo esorbitanti degli immobili non hanno ancora convinto i vertici del gruppo.

Ed è questo uno degli esempi di una mentalità vincente con i piedi ben saldi sul terreno e che può vantare sul dato pragmatico di un +36% del fatturato.

Commenti (1)

  1. Giulia, molte grazie per l’articolo che hai pubblicato su Piazza Sempione, non esitare a contattarmi in futuro se ti posso essere utile per qualsiasi informazione! un caro saluto, Cristina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>