Prestiti per una handbag di lusso? A Hong Kong si può

di Redazione Commenta

Avete visto “La” handbag dei vostri sogni, la volete, ma non avete fatto i conti con quanto avete nel borsellino. Fino ad oggi, la soluzione è stata girare i tacchi dalla “vetrina dei balocchi” con la testa incassata tra le spalle e il broncio. Se avete capito di cosa parlo, allora sarete felici di sapere che la Lady Finance di Hong Kong ha trovato una soluzione.
Il rimedio è il classico prestito personalizzato, nuovo però perchè pensato proprio per acquistare una bag di lusso, superfemminile.

Che l’idea sia nata in Asia non c’è da stupirsi. Dopo averle viste in tenuta da guerrilla-shopping tra Roma e Milano,  posso dire con certezza che le donne orientali sono le più agguerrite fra le fashion victim.

Certo, in tempi di crisi economica suona quasi inadatto pensare a una specie di mutuo per una Hermés, ma l’idea potrebbe valere per rendere democratici anche gli accessori più inacessibili.

Un esempio: se una Louis Vuitton costa sui 1.760,00 euro e la Lady Finance si accolla il 70% della spesa, con un interesse annuo del 28%, il prestito può risultare di ben 1208 euro per i successivi 3 mesi.

In caso il debito non venga subito estinto, la preziosa borsa verrebbe requisita e la fashionista insolvente dovrebbe pagare una multa salata.

Danaro e bellezza: peccati che a Hong Kong ci si può ancora permettere in grande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>