Ugg e Jimmy Choo insieme

di Giulia Ferri Commenta

E’ un’incontro idilliaco che molte fashion victim si aspettavano e sperano avvenisse, per chi è rimasta affscinata dagli stivaletti Ugg, quelli che da un paio d’anni stanno contagiando i piedi di donne di mezzo mondo e che con Jimmy Choo ricevono quella “rinfrescata necessaria” per rimanere sulla cresta dell’onda.

E così arriva l’attesissima collaborazione tra Ugg e Jimmy Choo con una nuova versione degli stivaletti australiani. Per l’occasione alcuni modelli si sono mantenuti quasi identici al modello originale in virtù della formula squadra che vince non si cambia ma ci sono anche delle novità che decisamente rappresentano una novità e hanno tutte le carte in regolare per diventare un must per quest’inverno.

Come ad esempio lo stivaletto che verrà lanciato presto nella campagna pubblicitaria d’ispirazione bikers. Di solito siamo abituati a concepire gli stivali da motociclisti in crosta dura e con tacchi da cowboy, non con la morbidissima pelle scamosciata e le frange di Ugg. Ed ecco la novità di ribaltare gli stereotipi e contaminare mondi agli antipodi: la morbidezza e la sinuosità di Ugg si arricchisce di borchie in oro e argento per raggiungere un’alchimia tra urban e street style e un genere non meglio identificato che rievoca il punk nordico.

Ma gli stivaletti indossati nell’ADV dalla modella Amber Valletta hanno anche quel tocco etnico che non figurerebbe davvero niente male sotto un abito firmato da John Galliano, che quest’anno si è ispirato alla Russia o da un pezzo della collezione Ashish presentata a London Fashion Week che si è ispirata alle regioni mongole.

Tra gli altri modelli disegnati dalla stilista Tamara Mellon anche modelli maculati, zebrati e con borchie in oro.

Prezzi a partire da 500 e 700 euro in base al modello. Non abbordabilissimi ma nemmeno irraggiungibili per chi desidera colmare quel tasselo che finalmente fa da ponte tra lo chic e il glamour tra il grounge e il moderno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>