Alta Moda Roma 2013, abiti come rose per Giada Curti

Spread the love

Per la giovane quanto affascinante stilista di alta moda Giada Curti il poeta francese Pierre Louÿs aveva davvero ragione: niente al mondo è divino come il profumo delle rose di notte e aproprio a questa considerzione poetica si è rifatta per costruire la sua ultima collezione haute couture p/e 2013 che simbolicamente esibisce abti come se esibisse rose dalle tinte pastello e le adagia delicatamente sulla sua nuova linea di abiti estivi dal taglio romantico e sognante, son silhouette fluide e delicate, con tessuti leggeri e impalpabili che scivolano morbidi lungo il corpo.

In occasione della sfilata inserita nel calendario ufficiale di AltaromAltamoda tenutasi presso l’Atelier Curti di Rampa Mignanelli a Roma, praticamente nell’atelier di casa della famosa maison di moda che vende moltissimo in Italia e all’estero, in particolare negli States e in Medioriente. Cipria, verde acqua, celeste polvere e rosa antico: questi i colori di una mini collezione di alta moda di soli dieci abiti incantevoli e iperfemminili. Tra macaron pastello usati come dècor in una scenografia sognante con cascate di petali di rose multicolor sparsi ai piedi della passerella, Giada Curti gioca con una couture sofisticata e romantica dedicata a una donna eterea che pare fluttuare in un immaginario giardino fiorito tra petali e versi poetici, con i capelli adorni di bouquet di rose.

Organze di seta stampate, satin e chiffon impreziositi da sovrapposizioni di pizzi rebrodè e chantilly su macramé costruiscono armonici volumi e sensuali trasparenze per creazioni dal taglio neoclassico. Decorazioni di perle piovono sul décolleté illuminando il viso, mentre le braccia sono avvolte da maniche a guanto in un’alternanza di tulle e pizzo. Delicati fiocchi evidenziano il punto vita; leggere e ampie gonne a ruota rendono elegante il portamento. Look eterei e delicati, quasi retrò e dal fascino d’antan, per esaltare la femminilità, anche grazie al fatto che tutti i tessuti profumano letteralmente di rosa.

La sposa sceglie di splendere in un magnifico abito color cipria, delicatamente ricamato e con un velo a fascia legato intorno alla testa con un mood anni Venti che ha molto colpito ospiti e addetti ai lavori. Tulle e pizzi chantilly creano in quest’abito, da sempre il principale di ogni collezione di moda che si rispetti, soavi trasparenze in un trionfo di romanticismo.

Photo Credit | Alta Roma

Lascia un commento