Il bikini compie 70 anni

di federica guarneri Commenta

Buon compleanno bikini! Questo iconico capo da bagno compie, nel 2016, ben 70 anni. Oggi, con l’aiuto di Privalia, ripercorriamo la storia del costume due pezzi e di quelli che lo hanno preceduto.

 

Il costume da bagno inizia a prendere vita dai primi anni del Novecento. All’epoca si trattava di una tunica abbinata a un paio di pantaloni attillati che gradualmente, con il passare del tempo, lasciavano scoprire sempre più gambe e braccia. Nel corso degli anni le donne iniziano a sperimentare anche altri modelli: pantaloncini più corti e scollature più ampie sulla schiena, ma è solo l’inizio prima della grande rivoluzione. Più si andava avanti con gli anni, più le misure si riducevano e negli anni ’20 le signorine da spiaggia iniziano ad esibire le proprie gambe! Molto si deve  sicuramente all’influenza internazionale di Hollywood che, grazie al suo anticonformismo, cambia il dictat della moda da bagno, rendendo i costumi meno castigati. Proprio nel 1920 la stilista Coco Chanel lancia per il popolo femminile i pantaloncini sopra al ginocchio e décolleté bene in vista, un vero e proprio invito ad abbronzarsi, cosa fino a questo momento poco apprezzata da uomini e donne.

Il 1946 segna la nascita del bikini, il cui nome prende ispirazione dall’omonimo atollo dell’isola Marshall. Il costume due pezzi ha dato vita a una nuova moda, concedendo finalmente alle donne la libertà di poter mettere in mostra il proprio fisico, le proprie curve e anche le proprie imperfezioni. La vera rivoluzione non è stata solo il due pezzi, ma l’audacia, il coraggio e tutta la sensualità racchiusi in questo indumento davvero incredibile per quell’epoca. Così nel 1946 lo stilista Louis Réard decise che i tempi erano maturi per proporre alle donne un due pezzi molto succinto perché osava, addirittura, mettere in mostra l’ombelico. Dopo 70 anni il bikini è ancora uno degli accessori più amati che rimane nella storia della moda come il simbolo del coraggio e del desiderio di rivalsa delle donne nel dopoguerra, anche in questa stagione di moda mare 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>