Gattinoni: mostra a Roma, la televisione è di moda

di Giulia Ferri Commenta


Fino al 31 agosto 2011 presso il Palazzo Valentini a Roma, si terrà la mostra che è stata chiamata Gattinoni: la televisione è di moda, è curata dal manager della griffe che è Stefano Dominella e da Giovanni Ciacci.

Alla mostra sono stati esposti ben 15 abiti di tutto l‘archivio storico,i vestiti sono stati indossati da attrici, soubrette e presentatrici, in tutte le loro esibizioni nelle trasmissioni televisive. Tanto da scoprire di tutta la femminilità e l’eleganza che è pensata appositamente per il piccolo schermo.

Fernanda Gattinoni è una stilista di gran fama, molto nota e famosa per la sua casa di moda, è stata una delle pochissime a capire fin dagli anni 50 che per la moda la televisione è una grandissima cosa. E’ un mezzo di diffusione molto importante.

Così, la sua maison di origine romana ha vestito Edy Campagnoli nella scena del film di Totò lascia o raddoppia dell’anno 56 ed ha proseguito a curare il rapporto con il piccolo schermo fino ai nostri giorni, scegliendo i vestiti della sempreverde della presentatrice Milly Carlucci nel programma televisivo di Ballando con le stelle.

Stefano Dominella alla presentazione della mostra di Gattinoni ha detto:

Per Gattinoni Vestire le attrici e le soubrette della televisione è stata ed è una sfida, per promuovere il proprio stile adeguandolo alle necessità del personaggio e del programma. Il made in Italy è anche questo.

Nicola Zingaretti, presidente della provincia di Roma ha assicurato:

Ospitare questa preziosa esposizione per noi è motivo di grande orgoglio: gli abiti e le immagini in mostra ci danno la misura dell’evoluzione del gusto e delle tendenze che hanno accompagnato la storia del nostro Paese, di cui la televisione è stata spesso il primo testimone ed anche il più accessibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>