Harmont & Blaine, il bassotto guarda in alto

di Redazione Commenta


Il 2010 segnerà il passaggio della Harmont & Blaine dalla configurazione societaria di SpA a una Holding.
Come riprova tangibile dell’espansione della politica di mecato del noo marchio napoletano ci sono i progetti di new opening in mercati che danno una certa notorietà come gli Usa e mercati emergenti come la Turchia.

In questi anni Harmont & Blaine si è fatto conoscere assoldando uno storico sodalizio con Paolo Bonolis ai tempi di Affari Tuoi per poi imporsi con il proprio status simbol di abbigliamento sportivo di classe e soprattutto una qualità del prodotto impeccabile.

Attualmente la rete commerciale conta 29 boutique monomarca in Italia, 22 aziendali e 7 in franchising, 7 corner presso la Rinascente e 28 punti vendita all’estero.

Ma c’è di più. L’A.D. Domenico Menniti ha recentemente svelato un progetto nel cassetto che se realizzato contribuirà a dare man forte all’immagine acquisita in questi anni di felice espansione:
L’apertura dei Harmont & Blaine Cafè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>