In arrivo il sito e-commerce di Jean-Charles de Castelbajac

Spread the love

Dopo l’apertura di una nuova boutique a Parigi, lo stilista francese Jean-Charles de Castelbajac si appresta a seguire i passi del settore commerciale delle moda aprendo il suo store on line.

L’apertura è prestista agli inizi di settembre e conterrà le collezioni uomo, donna e accessori della linea Jcdc by Jc de Castelbajac della stagione autunno inverno 2010 2011. Iscivendosi al sito si riceverà un buono sconto di 25 euro per gli acquisti.

Il sito, molto curato nella parte grafica, sarà un punto di riferimento per le creazioni dello stilista francese, famoso per le sue origini nobili ma dallo stile naif bizzarro, contaminata dal mondo dei cartoon e dalla musica grime.

Nei primi anni Settanta divenne famoso per aver lanciato insieme a Oliviero Toscani i primi jeans italiani che destarono scandalo per il nome del marchio, Jesus jeans e per le campagne pubblicitarie osè.

Gli anni ’80 vedono il suo genio creativo incontrare Iceberg con il lancio della cartoon couture ispitata al mondo di Snoopy, Daffy Duck, e Gatto Felix.

La collezione primavera estate 2010 sembra uscita dalla saga de Il pirata dei Caraibi, la collezione primavera estate 2010 di Jean-Charles de Castelbajac, con la differenza che invece delle creature delle avventure di Jack Sparrow c’erano delle bellissime modelle-pirata.

Un concept e una scenografia di forte impatto ma non priva di un messaggio rivolto alla donna del 2010.
Una donna esotica ma abbastanza aggressiva da non risultare votata all’etno-chic.

Saranno le T-shirt con le stampe caraibiche e ispirate al mondo dei pirati e dei marinai a costituire il must di una collezione davvero originale e accattivante, piena di colore e di fascino blu.

levate l’ancora, sciogliete gli ormeggi, si parte!

Jean-Charles de Castel Bajack è sempre pronto a stupirci con le sue creazioni fuori dai soliti clichè: le sue sfilate hanno il gusto di una rappresentazione scenica e quando si rimane attoniti chiedendosi se è haute couture a sé stante e proprio lì che scoppia una moda.

Lascia un commento