A Milano è di moda l’aperitivo ecostostenibile e l’ ethical fashion

di Sandra Rondini Commenta

carlsberg happy hour happy planet moda ecostienibile ethical fashion
Con la crisi ecologica che c’è e il rischio di degrado ambientale purtroppo sempre dietro l’angolo, ogni occasione, anche la più allegra, come può essere quella di un aperitivo, può trasformarsi in un momento perfetto per smuovere le coscienze sperando che, al di là, del singolo evento, qualcosa rimanga impresso nelle proprie coscienze e che ognuno, nel nostro piccolo, dall’indomani inizi a fare la propria parte perché il mondo siamo noi.

A Milano lo scorso 23 marzo Carlsberg Italia, l’associazione di Cooperazione internazionale Fratelli dell’Uomo e la società Città Possibili hanno organizzato presso la nuova ‘Carlsberg Drink Different Area’ il primo evento con aperitivo a ridotto impatto ambientale con birra alla spina senza Co2 aggiunta, spillata con con il sistema ‘DraughtMaster Modular 20‘ di Carlsberg. Ad accompagnare il tutto stuzzichini a chilometro zero e degustazioni di cucina crudité, anche perché ormai è primavera quindi viva la leggerezza! A questa idea, già di per sé originale, si è voluta abbinare una sfilata di moda, sempre sostenibile, ossia ethical fashion, con capi realizzati con tinture naturali, materiali di riciclo, fibre naturali non rare per non deturpare l’ambiente, persino bottoni in legno per non far ricorso alla plastica.


I modi per realizzare un abito bellissimo senza saccheggiare la natura delle sue risorse più preziose per pura vanità esistono eccome e non serve la fantasia per individuarli, ma la coscienza. Quindi birre sostenibili che non utilizzano Co2 e abiti prodotti da tutta una filiera che crede nell’ecosostenibilità sono stati i grandi protagonisti al locale “Item” dell’aperitivo “Happy Hour Happy Planet“, dimostrazione concreta. E anche controcorrente, di come con azioni concrete tutti noi possiamo migliorare il mondo che ci circonda senza cedere alle sirene del marketing.

Basta  usare la testa, volere bene al mondo e quindi a se stessi. Tra gli stilisti che hanno aderito all’iniziativa Elena Acha, Ecologina, Laboratorio Procaccini, Laafia, Pendant e Progetto Atelier che hanno mostrato le loro creazioni abbinate agli accessori a impatto zero di Made in Mage e Calzaturepoca. A tutti i partecipanti è stato regalato un simpatico gadget a tema e un coupon valido per uno sconto negli atelier degli stilisti presenti alla serata.

Rispondi