Tamara Mellon vende Jimmy Choo

di Paola Perfetti Commenta

 Moda e business vanno di pari passo, soprattutto quando il brand in questione si chiama Jimmy Choo. Tamara Mellon é la magnate quarantatreenne che possiede, da sola, ben un quinto del gruppo della moda di stratosferico successo Jimmy Choo.

Grazie infatti a tacchi altissimi e pezzi unici, la Mellon ha deciso di vendere e concludere un affare che le renderà la cifra altrattanto astronomica di 100 milioni di sterline.

Rumors e businessmen vicini alla Signora Jimmy Choo dicono che la Mellon sia già alle prese con consulenti finanziari così da vendere la società di calzature e borse che ha un valore di circa 500 milioni di sterline.

Ma i giochi non sono proprio così semplici: azionista di maggioranza del brand é infatti un gruppo di private equity, la TowerBrook Capital Partners. E’ questo il nome dell’altro colosso impegnato nelle quote societarie dal 2007, quando già gli obiettivi erano ben chiari, ovvero, trasformare Jimmy Choo in una realtà del valore di un miliardo di sterline nel giro di cinque anni.

Obiettivo raggiunto! Pensate che infatti che, solo l’anno scorso, l’azienda ha guadagnato oltre un milione di sterline per gli ordini anticipati raggiunti dai clienti ed estimatori di uno stivale di gomma da 235 sterline.

Ma questo é solo uno dei successi di Tamara Mellon: recentemente é stata insignita dell’OBE, l’Ordine dell’Impero Britannico.

Il prestigioso riconoscimento é arrivato in occasione dei festeggiamenti per il compleanno della Regina Elisabetta II e le é stato attribuito per suoi servigi di Mrs Mellon nel campo della moda e della beneficenza: ha infatti impiegato meno di vent’anni a trasformare l’attività di un piccolo calzolaio che lavorava su misura in un brand globale di prima grandezza con boutique in tutto il mondo!

Ma qual è il segreto di tutto questo successo? Tamara Mellon “nasce” professionalmente all’inizio degli anni Novanta ed é una redattrice di Vogue del settore accessori. In qualità di PR, in quel periodo, ebbe modo prima di incontrare e poi di stringere amicizia con il calzolaio malese Jimmy Choo che, all’epoca, si stava costruendo una reputazione nel mondo dei salotti ma, nella sua base di Hackney, East London, riusciva a produrre solo una quantità limitata di scarpe fatte a mano.

Con l’aiuto della Mellon e un prestito di 150000 sterline dal ricco padre di lei, Tommy Yeardye, nel 1996 venne lanciato il marchio Jimmy Choo.

Se Choo ha venduto la propria quota della società nel 2001, la Mellon, attualmente, è presidente e possiede una quota azionaria appena inferiore al 18%.

Girl Power!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>