Valentino inaugura a Milano il suo nuovo megastore in centro!

di Sandra Rondini Commenta

valentino store via montenapoleone anna dello russo

Il 23 febbraio scorso è stata inaugurata a Milano con un evento super esclusivo e blindato a cui hanno partecipato celebrities di utto il mondo la nuova boutique della griffe Valentino nella via più chic dello shopping meneghino e mondiale, la mitica via Montenapoleone. Al civico numero 20 a Milano adesso esiste, completamente rinnovato, un nuovo space dal design innovativo e sofisticato che rispecchia con grande classe e fedeltà la nuova visione del mondo Valentino ideata da Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, direttori artistici della storica maison di moda italiana, entrambi non solo degni eredi del fondatore Valentino Garavani, ma anche usciti dalla stessa accademia di moda, lo IED di Roma, l’Istituto Europeo di Design.

Nel mega store del brand Valentino di via Montenapoleone l’elemento più significativo è dato da un’estetica completamente nuova dove iconicità e modernità si fondono in un discorso molto fluido ed elegante. D’altronde non potrebbe essere altrimenti in uno spazio di ben oltre 860 metri quadri disposti su due piani: è importante che il cliente si senta trasportato, una volta varcata la soglia, come in una corrente sensoriale di luci, colori, sensazioni in modo che l’acquisto si trasformi in una autentica shopping experience.


In tempi di crisi non si tratta solo di vendere un prodotto, ma soprattutto un’emozione. Nel nuovissimo store della Maison, inaugurato durante Milano Moda Donna, in attesa che la griffe sfili a Parigi presentando la sua nuova collezione autunno/inverno 2012-2013 durante la Paris Fashion Week, saranno in vendita tutte le collezioni Valentino donna e uomo e tutte le categorie di accessori.

Un vero sogno per tutte le fashioniste amanti del glam e del bon ton! In totale le vetrine sono ben 10 su via Santo Spirito e 4 vetrine su via Montenapoleone. Un vero colosso, oltre che primo store della griffe inaugurato secondo il concept dell’architetto David Chipperfield.

Rispondi