leonardo.it

Mark Zuckerberg sfida il dress code di Wall Street in felpa e jeans

 
Sandra Rondini
12 maggio 2012
Commenta

Facebook sbarca in borsa e lo fa con uno stile che definire casual è dire poco. Forse in eleganti completi gessati ci va chi rappresenta marchi di lusso oppure i dandy nell’anima che vedono l’ingresso nella borsa di Wall Street come il coronamento del loro ambizioso sogno di successo. Mark Zuckerberg, l’inventore di Facebook, un ragazzo che, a dire il vero, non sta propriamente simpatico a molta gente dato il ritratto spietato che esce di lui dal film “Social Network”, si è presentato in jeans e felpa nel tempio della finanza mondiale. E si è acceso il dibattito: ha fatto bene a vestirsi come un giovane CEO di una azienda giovane per eccellenza o la sua è solo una totale mancanza di rispetto verso tutti gli altri operatori?

Ve lo immaginate Gordon Gekko in tenuta casual a Wall Street? Certo che no! Perderebbe molto del suo fascino e a Wall Street sembrerebbe uno che ha appena perso una valanga di soldi, quasi un reduce del ’29. Ci sono luoghi dove anche i tuoi vestiti devono ‘odorare’ di soldi per attirarne altri come fossero una calamita. L’abito fa il monaco a Wall Street, da sempre. Per questo l’arrivo disarmante di questo ragazzo, che tanto ingenuo non è, vestito con un’anonima felpa, ha lasciato perplessi tutti gli astanti.

A nostro parere il ventisettenne amministratore delegato del social network più frequentato del mondo si è montato la testa fino a sfidare un dress code ultra centenario, è come se si sentisse in diritto di poter fare tutto perché è multimilionario. Magari si sarà sentito quasi un rivoluzionario che sfida i vecchi leoni della finanza tacciandoli di vecchiume con i loro capelli impomatati, i loro volti tirati, i loro completi sartoriali e i loro innumerevoli e costosissimi status symbol. Cosa ha spinto Mark Zuckerberg a vestirsi così? L’arroganza del parvenu mixata a una sciatteria tipica dei nerd della sua età o, forse, solo l’immaturità nel giocare al grande guru della finanza senza indossarne la divisa, e la pellaccia dura, dei veri “squali” di Wall Street.

Probabilmente Zuckerberg veste così da anni, altra dimostrazione che il buongusto e l’educazione verso le persone e i luoghi che ci ospitano non si possono comprare. La sciatteria nell’abbigliamento non denota libertà, non significa contestazione, né essere young e rappresentare una new economy: significa solo essere dei cafoni. Atteggiamento, tra l’altro, alquanto controproducente se si considera che vestendosi così Zuckerberg lascia intendere quasi che non gli importi molto di incontrare i grandi azionisti di cui però ha un gran bisogno perché sta cercando di convogliare risorse altrui nella sua azienda, e dovrebbe mostrare più rispetto per chi mette mano al portafogli.

Vestirsi così, secondo gli azionisti e analisti finanziari, è come dichiarare apertamente di essere solo un ragazzo non in grado di guidare una grande azienda. Magari lo è, ma voi mettereste i vostri soldi in mano a un tizio che entra per la prima volta a Wal Street, coronando così tutte le sue ambizioni senza freni, vestendosi con jeans e felpa? Vero è che Sergio Marchionne, ad della FIAT, adora i golf di cachemire, prefribilmente neri o blumarine, perchè è sempre una persona seria anche se  di cravatte non ne vuole proprio sentire parlare e il rimpianto Steve Jobs vestiva sempre in dolcevita nero, jeans e sneaker e nessun investitore in ambo i casi ha mai avuto niente da ridire. Forse perché avevano un stile ben preciso che, infatti, è piuttosto copiato nel mondo degli affari, ma che stile è un jeans e una felpa? Dai completi di Gordon Gekko siamo passati al cachemire di Marchionne e adesso al cotone di Mark Zuckerberg? È proprio vero che l’economia è in crisi…

credit images | Getty

Articoli Correlati
YARPP
Jay-z, polemica per la t-shirt Occupy Wall Street

Jay-z, polemica per la t-shirt Occupy Wall Street

Parliamo di Jay-Z il noto rapper americano. Ma non per parlarvi del suo “blink blink” quanto per la curiosa iniziativa di lanciare una serie di t-shirt dedicata a Occupy Wall […]

Le perle di Viktor: Le fashion blogger non conoscono il dress code? Low style nella NYFW

Le perle di Viktor: Le fashion blogger non conoscono il dress code? Low style nella NYFW

Solo qualche giorno fa, in concomitanza con l’inizio della New York Fashion Week,  un articolo di Franca Sozzani sul dress code da sfilata, l’interrogativo se per assistere a un evento […]

Street Syle: chi sono questi due?

Street Syle: chi sono questi due?

Guardate questa immagine: cosa vi viene in mente? Due fashion victim al femminile un po’ appesantite? Oppure qualcuno di molto audace a indossare una mìse del genere? Una trovata di […]

Personalizzare la vostra casa con i Design wall stickers

Personalizzare la vostra casa con i Design wall stickers

La moda contagia il design dei complementi d’arredo offrendo il massimo della persolizzazione degli ambienti. iDesign Wall Stickers propone un catalogo immenso di adesivi lavabili. La possibilità di rimuoverli senza […]

Berlin Wall Pack 2009, una limited edition per celebrare il ventennale della caduta del muro

Berlin Wall Pack 2009, una limited edition per celebrare il ventennale della caduta del muro

Si chiama NB677 ed è il modello di scarpa sportiva scelta da New Balance in collaborazione con Overkill, una catena di negozi in Germania, per celebrare il ventennale della caduta […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento