Mini anelli, double ring e knuckle rings, la moda che impazza sul web

di federica guarneri Commenta

Le mode che nascono sul web somigliano a quelle che un tempo si sviluppavano nei licei, quando le ragazze più cool della scuola portavano tra gli amici un nuovo trend che finiva con l’essere seguito da tutti. Certamente questa degli anelli (di ogni tipo) sarebbe stata una tendenza seguita in un qualsiasi liceo, ma il web ha anticipato i tempi e reso tutto questo un vero e proprio fenomeno.

Instagram è una continua fonte d’ispirazione, dalle ricette culinarie, alle acconciature, passando per gli accessori moda. Proprio di quest’ultimi vorrei parlare oggi, in particolare degli anelli. Se avete dita lunghe e affusolate, questo è il post adatto a voi. Impazza sul web infatti la moda degli anelli, tanti, sottili, decorati, spiritosi, griffati, realizzati artigianalmente o comprati semplicemente da H&M. Le ragazze con mani tozze e cicciottelle non potranno permetterseli, ma potranno indossarne giusto un paio per togliersi uno sfizio, magari qualche anellino da mignolo acquistato su Asos.

I più gettonati al momento sono i knuckle rings, ovvero gli anelli da nocca. Venduti in confezioni multiple, possono essere indossati in gran numero contemporaneamente, magari tutti nella stessa tonalità cromatica, per intenderci oro con oro e argento con argento. I più fantasiosi hanno delle piccole borchie, ali, teschi, simboli dell’infinito, cuoricini e scritte come ad esempio “love”. Per quanto riguarda gli anelli a due (o più) dita, ne esistono di svariate misure, forme e colori, vi segnaliamo il double ring firmato Marc by Marc Jacobs, semplice e d’effetto. Non sappiamo dire con certezza quanto durerà questo trend, d’ispirazione assolutamente boho-chic, ma nel frattempo godiamocelo.

Photo Credits | Weheartit

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>