Moschino incanta Milano con la sua vetrina d’autore

di Redazione Commenta

Spread the love

Moschino è uno dei brand italiani più irriverenti della storia. La sua ironia è a 360 gradi e non investe solo le sue collezioni in passerella, ma anche i suoi store e, in particolare, le sue vetrine sempre particolarmente divertenti, incantevoli e fantasiose. Il mestiere di vetrinista non è semplice: ne sa qualcosa Giorgio Armani che proprio con questo mestiere cominciò la sua straordinaria carriera nel mondo della moda.


Tra strade invase da gente impazzita che va sempre di fretta per i più svariati motivi, o a volte anche solo per abitudine perché ormai ha assorbito i ritmi stressanti della città, riuscire per un attimo a fermare il tempo e bloccare i passanti davanti a una vetrina originale e piena di fantasia è una vera scommessa. Moschino ci prova con “Fotocamera”, il nome della creazione ideata per la vetrina del Temporary Store della griffe a via Borgospesso 19 a Milano.

Anche se non si può, per fretta o per il conto in rosso, entrare in una boutique, si può sempre godere anche da fuori una vista privilegiata sul mondo Moschino con tutto il simbolismo di allegria, ironia, divertimento e dissacrazione di cui questa griffe è da sempre simbolo, sin dai tempi del suo celebrato fondatore, Franco Moschino, scomparso troppo presto, con grande rimpianto del fashion system. In vetrina a Milano in questi giorni campeggia una gigantesca macchina fotografica con dentro, come intrappolata dall’obiettivo, il corpo di un manichino con le gambe sensualmente accavallate e con indosso un little black dress dell’ultima collezione autunno/inverno 2012-2013 del brand.

Inutile dire che la trovata ha funzionato e molta gente rallenta il passo per ammirare questa vetrina così originale che è solo l’ultima di una lunga serie di altre vetrine, anche più eccentriche, che Moschino ha ideato e collezionato negli anni. In tempi di crisi non basta più l’insegna di uno store famoso ad attirare i clienti, bisogna fare sempre di più e, anche se qualche turista magari entrerà e farà i suoi acquisti come anche tutti gli altri che possono permetterselo, alla gente comune Moschino regala gratis un sogno, un mondo immaginario sospeso nel tempo. Il passo rallenta e si può ridare fiato a desideri fashion sopiti da tempo, in attesa che passi la bufera della crisi economica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>