Womsh, le sneakers sostenibili per l’expo 2015

di federica guarneri Commenta

Tra poche settimane prenderà il via EXPO Milano 2015, la più grande manifestazione mai realizzata sull’alimentazione e la nutrizione che porrà l’accento anche sulla sostenibilità, a partire dal tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, che si proietta appunto nella prospettiva di un futuro sostenibile del pianeta e della società. Già da qualche anno anche Womsh, un’azienda di calzature tutta italiana, abbraccia questa filosofia adottando misure sostenibili prima, durante e dopo il ciclo produttivo.

Le calzature Womsh sono il risultato di un ciclo di vita a impatto zero. Le emissioni di CO2 generate da tutti i modelli sono compensate contribuendo alla creazione e tutela di alcune aree boschive in Italia. Infatti grazie alla collaborazione con LifeGate, punto di riferimento per lo sviluppo sostenibile attraverso il modello d’impresa “People, Planet e Profit”, Womsh partecipa a Impatto Zero un progetto che calcola, riduce e compensa le emissioni di CO2 generate dalla fabbricazione. Le originali sneakers ad impatto zero sull’ambiente possono essere facilmente identificate da uno speciale occhiello verde posto sulla tomaia, vero marchio di fabbrica del brand.

Le sneakers Womsh sono anche riciclabili! A fine vita infatti, invece che gettare queste scarpe nel cassonetto, dove resterebbero disperse nell’ambiente, potranno essere restituite. Womsh in collaborazione con Esosport, società leader nel riciclo di materiali esausti trasforma le vecchie sneakers in una speciale pavimentazione antiurto e antiscivolo utilizzata per parchi giochi dei bambini. Questo progetto chiamato “I Giardini di Betty” rappresenta un’eccellente innovazione nell’ambito del riutilizzo consapevole dei prodotti e del consumo sostenibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>