2 luglio 2011, è il momento dei saldi

di Lorena Scopelliti Commenta

Sabato 2 luglio: segnatevi questa data, perché per la prima volta e dopo tanto dibattere in tutte le regioni d’Italia (tranne Bolzano che partirà l’8 luglio e Trento, in cui i saldi sono liberalizzati e decisi dai singoli commercianti), inizieranno i tanto attesi saldi. La Conferenza Stato Regioni da tempo discuteva sulla necessità di unificare le date lungo tutta la Penisola: sarà maggiore e migliore la concorrenza e ne beneficeranno esercententi e consumatori.

Non si fa che parlare di crisi e di calo di consumi e non siamo solo noi clienti ad aspettare in modo trepidante la fatidica data: i commercianti non vedono l’ora che inizi il periodo dei ribassi, per far fronte ai mesi di magri introiti che da qualche anno sono diventati una triste consuetudine.

Sappiamo bene che, puntualmente, giornali e televisioni si occupano di come destreggiarsi nella giungla dei saldi, ma si sa: repetita iuvant e ripassare insieme qualche dritta utile potrà risultare prezioso. 

Prima di tutto adocchiate prima dell’inizio dei saldi gli articoli che vi interessano: memorizzatene il prezzo di partenza e le condizioni in cui si trova l’oggetto. Ricordatevi che durante i ribassi i commercianti sono obbligati ad esporre in modo chiaro e trasparente il prezzo originario; il talloncino deve riportare la percentuale di sconto applicato e il doppio valore dell’oggetto: quello iniziale e quello decurtato.

Gli esercenti non possono includere nei saldi di stagione rimanenze di magazzino di collezioni e anni passati: possono certamente proporli, ma devono essere chiaramente distinti, separati e facilmente identificabili rispetto al resto della merce che va in saldo standard.

Sappiate che, per un prodotto/capo acquistato in saldo, vale lo stesso diritto di recesso che vige (per legge!) sulla merce comprata a prezzo pieno. Le modalità sono stabilite per legge: potrete restituire la merce non integra o difettosa presentando lo scontrino e il capo non manomesso e/o danneggiato. Detto questo: buon saldo ragionato a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>